Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Nello stesso soggetto: per la sua mendicità

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Nello stesso soggetto: per la sua mendicità

 

Pittori, o voi, che per ritrar solete

Mendicar con finzion da vano oggetto

Della donna del canto il vero aspetto,

E con falsi color la dipingete,

Ecco l’original, se voi volete

Ritrarla senza error, senza difetto:

Mirate in un bravuom tutto ristretto.

Quel che sol coll’idea vi supponete.

Lacera il manto, incolta il crin stupendo,

Gir mendicando, esser di gioco altrui,

Viver cantando, e poi morir piagnendo,

Portar l’antichità ne’ panni sui:

Questo è di Poesia l’aspetto orrendo,

Ma il vero original mirate in lui.

 

 

Lode agli ingegni sottili che fioriscono in Porto Gruero,

picciola cittadella della repubblica

 

Produr palme giulive, eccelsi allori,

Non è solo de’ campi almi, spaziosi;

Mieten serti d’onor, rami gloriosi,

Anche un boschetto umil, saggi pastori.

Non invidian d’un lago i queti umori

Del gran padre Oceano i gorghi ondosi;

Pari al Tebro latin, fauni amorosi

Gode picciol ruscello in seno ai fiori.

Vanti Roma, e quant’altre al mondo chiare,

Lunga serie serbar d’eterne istorie

Agli eroi che produr d’alti consigli -;

Furo in lor le virtudi eccelse e rare,

Ma in te, Porto gentil, porta di glorie,

Tanti sono gli eroi, quanti i tuoi figli.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License