Carlo Goldoni
Componimenti poetici

IL QUARESIMALE IN EPILOGO DEL PADRE GIACOMO CATANEO

PREDICA XXVI Della Mormorazione.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XXVI

Della Mormorazione.

 

1 Gran male per ció che ruba.

2 Più grande per la prestezza con cui ruba.

3 Grandissimo per la dfcoltá della restituzione.

 

SONETTO

 

Quella vita dell’alma, e della vita

Anima più gentil figlia d’onore,

Che non finisce al terminar dell’ore,

E coll’eternità gareggia unita,

Da una lingua crudel punta e ferita,

Perduto ha in terra il lucido candore;

Cenni rei, finta lode, infausto amore

Colla stessa pietà l’hanno tradita.

Misera Fama, i cui preziosi danni

Nel puro sen dal detrattore impressi,

Crescon mai sempre al rinnovar degl’anni;

Ma più misero te, ch’hai tanti oppressi,

Agnelletti innocenti; e i fieri inganni,

O che tardi discuopri, o non confessi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License