Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA XI   Dell’impenitenza finale. Li peccatori procrastinanti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XI

 

Dell’impenitenza finale.

Li peccatori procrastinanti

 

1 Non si pentono a tempo, perché manca loro il tempo.

2 Non si pentono a modo, perché, manca loro la Grazia.

3 Non si pentono a luogo, perché manca loro la volontà.

 

SONETTO

 

A pentirmi v’è tempo: oh stolta gente!

Il passato volò, né torna al certo;

Il futuro si spera, e sempre è incerto;

Né altro tempo abbiam noi, fuor che ‘l presente.

Noi a nostro piacer vogliam clemente

La giustizia di Dio? Ma con qual merto?

Ah! perché tanto ha il nostro error sofferto,

Più la nostra empietà resa è insolente.

Or, che abbiamo l’arbitrio in libertade,

S’accarezza la colpa, e poscia in morte

Cangiar stile e desio tanto si spera?

Deh! pentiamoci adesso: ad altra etade

Non differiam, che può venir la morte,

O improvvisa, o violenta, o lusinghiera.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License