Carlo Goldoni
Componimenti poetici

SONETTI SACRI

PREDICA XVII   Panegirico della Santissima Annonciata Maria Santissima

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PREDICA XVII

 

Panegirico della Santissima Annonciata

Maria Santissima.

 

1 Col zelo della sua Verginità divenne degna madre di Dio.

2 Colla sua Uniformità divenne corredentrice dell’Uomo.

3 Colla sua Umiltà divenne regina delle Creature.

 

SONETTO

 

Come (disse Maria), come fia questo?

Io madre? ahimè, se il Verginal candore

Perder dovessi, anco il sublime onore

D’esser Madre di Dio parmi funesto.

Indi l’Agnol rispose: e per cotesto

Zelo di purità, sei del Signore

Degna Madre prescelta; il Santo Amore

In Te già forma un prodigioso innesto.

Ecco (ridisse allor l’umile Ancella),

Scenda pur nel mio seno il Redentore,

E sia dell’Uom corredentrice anch’io.

E allora fu, che la gloriosa e bella

Vergin dall’Umiltà fatta maggiore,

La dichiarò nostra regina Iddio.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License