Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE IN LINGUA E IN DIALETTO DEL PERIODO VENEZIANO (1748 - 1762)

PER LA VESTIZIONE DI SUOR MARIA REDENTA MILESI NEL MONISTERO DELLE TERESE IN VENEZIA OTTAVE IN LINGUA VENEZIANA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PER LA VESTIZIONE DI SUOR MARIA REDENTA MILESI

NEL MONISTERO DELLE TERESE IN VENEZIA

OTTAVE IN LINGUA VENEZIANA

 

Mi gho bisogno de una grazia granda,

Ma pregar non ardisse un pecator;

Se qualche santo no me racomanda,

Grazie sperar no posso dal Signor.

E se ai santi qualcossa se domanda,

Farlo bisogna cola mente e el cuor,

E mi senza astrazion, confesso el vero,

No arivo a dir un Paternostro intiero.

No per grazia de Dio perché me manca

Fede, speranza e carità perfeta,

Che no son un chietin, ma no son gnanca

Omo de vita lubrica e scoreta.

Gho deboto anca mi la barba bianca,

Vedo la sepoltura che me aspeta;

Qualche opera fazzo de pietà,

Ma no la fazzo mai come che va.

Se, per esempio, digo la corona,

Cole comedie el diavolo me tenta;

Se qualche volta sento sonar nona,

Tanto fa che la senta o no la senta.

E a Messa in verità, Dio mel perdona;

Qualche volta la testa no xe atenta,

No miga per mancanza de respeto,

Ma el cervelo me svola a mio despeto.

So che nostro Signor, pien de bontà,

Perdona i fali che no vien dal cuor;

E la bona moral la m’ha insegnà

Che no xe colpa involontario eror.

Ma chi vol grazie, e demandar no sa

Con afeto, con forza e con fervor,

No se lusinga d’esser esaudio

Dai santi o da missier Domenedio.

Donca cossa oi da far per esser degno

De quela grazia che voria dal Cielo?

Racomandarme col più forte impegno

D’una bona creatura al santo zelo.

E se mi de pregar me trovo indegno,

E se le mie orazion no val un pelo,

Far che prega per mi qualche anemeta

Pura, santa, inocente, e a Dio dileta.

De ste pute da ben, che digo mi,

Se ne trova diverse in monestier;

Tute, se parlo, me dirà de sì,

Per creanza, per grazia, o per piaser.

Ma quele che xe stae sempre ai so

Fisse in contemplazion col so pensier,

Credo no sapia come che se fazza

Per un orno a pregar dela mia razza.

So che Antonia Milesi al matrimonio

Gera un zorno disposta onestamente,

E no za per scampar dal rio Demonio,

Ché se vive anca al mondo santamente,

Ma per dar un più forte testimonio

D’afeto a quel Gesù che la gha in mente,

Cambiando volontà l’ha dito al mondo:

No per timor, ma per amor me scondo.

Questa xe quela santità perfeta,

Che me piase dasseno, e che me pol;

Santità vera con giudizio eleta,

Che sa quel che abandona e quel che vol.

Che a quel passo fatal no xe costreta,

Come ale volte praticar se sol;

Puta che el mondo ha cognussù qualcossa,

E dala Grazia al monestier xe mossa.

Tra le Beatitudini el Vangelo,

La povertà de spirito comprende,

Ma ste anime elete per el Cielo

Cole umane passion no le contende;

Merita più (segondo mi) quel zelo

Che combate col mondo e se defende,

Come più gode el mariner acorto

Se dopo la borasca el zonze in porto.

Per questo Antonia, che se vol scambiar

Infina el nome, se no basta el cuor,

Maria Redenta se vol far chiamar

Della clemenza del Divino Amor:

Volendo per tal via significar

L’opera prodigiosa del Signor,

Che l’ha redenta, no dal lezzo immondo,

Ma da qualche pericolo del mondo.

Vardè che modo de pensar xe questo;

chiama redenzion lassar un stato

Ch’esser podeva virtuoso e onesto,

Ma ai ochi del Signor fursi non grato.

L’uso dei nostri poco modesto

No pol piaser a un cuor ch’è delicato.

La sa che el matrimonio è un Sacramento,

Ma l’abuso comun ghe fa spavento.

Munega no la va per farse bona,

Che tal la giera, e tal la saria stada

In casa del mario, sposa e parona

Savia, discreta, e dal consorte amada.

Ma el stato coniugal la lo abandona

Perché ala perfezion la xe inclinada,

E ale bone mugier tanti ho sentio

Dirghe chietine, e riderghe da drio.

L’esempio, è vero, de so siora mare

Consegiar la podeva a maridarse.

Ma ste fortune le xe al mondo rare;

Specialmente dei fioi no è da fidarse.

Ste pute che ghe giera, e ghe xe care,

Le ha volesto dal mondo ritirarse;

La grazia del Signor la benedisse,

Ma la natura un pochetin patisse.

Se xe una pena el consacrarle a Dio,

Cossa sarave stà, se per desgrazia

La le avesse po viste a corer drio

Al mondo che dileta, e mai no sazia?

Una bona famegia, un bon mario,

El xe un ben grando; ma a trovar sta grazia

Gh’è la dificoltà (diria deboto)

Come a incontrar una cinquina al loto.

In soma dele some vegno a dir

Che sta puta da ben, che a Dio se dona,

Ha risolto più tosto de patir

Ch’esser, co se sol dir, dona e madona.

E cole mie rason vegno a inferir

Che de tant’altre la me par più bona,

E ala so devozion me racomando

Per otegnir la grazia che domando.

Quala xela la grazia che ve preme?

Maria Redenta me domanderà.

Munega benedetta, consoleme;

Son certo che el Signor v’ascolterà.

Bezzi a mi no m’importa unir insieme,

No m’importa d’onori e facoltà.

Ma se el stame vital no se scavezza,

Un reposso voria per la vechiezza.

Quel che me tormento è la galera

De quel mio benedeto taolin;

Scrivo dei zorni da matina a sera,

E fazzo, e fazzo, e mai ghe vedo el fin.

Xe un pezzo che continuo sta cariera,

E voria repossarme un pochetin,

E andar in chiesa col rosario in man,

Senza strussiar per vadagnarme el pan.

Xe vero che el Signor ha dito a l’omo:

Ti te mantegnirà col to sudor;

E sier Adamo per magnar quel pomo

Ha fato a tuti nu sto bel favor;

Ma xe anca vero che se un galantomo

Per i so zorni ha sfadigà de cuor,

Se con qualche vizieto nol s’intriga,

El gode el premio dela so fadiga.

Fin adesso no vedo el come, el quando

Un reposso sperar al viver mio.

Xe dei ani che cerco e che domando,

E tuti quanti se retira in drio.

Ala vostra bontà me racomando:

Fe qualche volta una preghiera a Dio

Che me fazza del ben chi ben me vol,

E no diga de no chi far lo pol.

Per mi pol darse che gh’avesse i modi

De passarmela via mediocremente,

Ma gho el peso fatal de do nevodi,

E logarli voria decentemente.

Qualchedun me dirà: Ti te la godi,

E in cao de l’ano no ti salvi gnente?

A chi parla cussì diria deboto...

Cossa possio salvar se semo in oto?

Gho la mugier, gho l’àmia301, e ghol fradelo,

E do nevodi, e serva, e servitor,

E qualche volta qualche soranelo302,

Perché son galantomo e de bon cuor;

E tuto ha da vegnir dal mio cervelo,

E ho da scriver per forza o per amor,

E se sterile vien la fantasia,

Sior poeta patron, bondì sioria.

Oi da aspetar quando no posso più,

Ai mi paroni a domandar sufragio,

Perché i me diga, cossa vol costù?

El doveva magnar manco formagio.

Maria Redenta, el presentarme a vu

Credo che sia de Providenza un ragio.

Vu un’anema bona, e spero un

Qualche fortuna, e no morir cussì.

Intanto come posso, e quando posso,

Pregherò Dio che ve mantegna sana,

E che nel ponto de saltar el fosso

Ve assista del Signor la man sovrana:

Che ve piasa la cela e el pano grosso,

E la noturna incomoda campana,

E el coro e le continue penitenze,

E la povera tola, e le ubidienze.

Ma vano è il mio pregar per sta rason,

Perché tute ste cosse sante e bele

Avanti de passar in Religion

Ve le ha fate osservar quatro sorele.

E avè fato sta pia resoluzion

Dopo d’averve consegià con ele,

Dopo aver visto e aver tocà con man,

Che vence el mondo chi ghe sta lontan.

 

 





p. -
301 La zia Maria Salvioni che sopravvisse più anni alla sorella maggiore Margherita, madre del Goldoni, morta nel 1754.



302 soranelo: sopraccarico (Boerio)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License