Carlo Goldoni
La pupilla

ATTO TERZO

SCENA NONA   Panfilo, messer Luca

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Panfilo, messer Luca.

 

PAN.

Messere, vi domanda certa vecchia

Ch'io non conosco.

LUCA

Va, briccone, al diavolo

Tu ed essa ancora, e quanti a te son simili

Nell'ingannar.

PAN.

Signore...

LUCA

Temerario,

Esci di questa casa, e teco Placida

Fa che se n'esca; o se ritardi, aspettati

Con un bastone ch'io ti fiacchi gli omeri.

PAN.

È questa dunque la mercé promessami?...

LUCA

Qual mercé, scellerato? Tal lusingasi

Un padron vecchio, che ti amò qual figlio,

Che t'aprì il core, e che ti disse, aiutami?

Caterina o non seppe il desiderio

Che per lei m'arde; o se lo sa, disprezzalo.

Ed io fidando in voi, tristi, falsarii,

Le scopersi il mio foco; ed essa in cambio

Lasciommi tristo, svergognato e misero.

PAN.

Ma io...

LUCA

Non replicar, che cento demoni

Mi desti in seno, che faranti in polvere.

Vattene, manigoldo, e il ciel ringrazia,

Che non vuol ch'io ti scanni, e mi precipiti.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License