Carlo Goldoni
Il tutore

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Corallina e detti.

 

COR. Signora, è venuto il signor Florindo per riverirla,

BEAT. Vengo. Oh, questa non me la fate certo. (si leva il cappello, e lo a Corallina)

PANT. (Canta, canta). (da sé)

BEAT. Io l’ho fatta, io l’ho da custodire. ( la bauta a Corallina)

PANT. (Sì, una bona custodia!) (da sé)

BEAT. Il signor tutore se ne prende più di quello che gli conviene. (si leva il tabarro, e lo a Corallina, cava uno specchio e s’accomoda il toppè)

PANT. (Vardè la fantolina!)10 (da sé)

BEAT. Rosaura, andiamo. (Rosaura s’alza, e lascia il lavoro)

PANT. Tolè, vien zente, e subito alla putta: andiamo.

BEAT. Quando ci sono io, ci può essere ancora ella.

PANT. Se la me permette, gh’ho da dir do parole, e po la lasso vegnir. (a Beatrice)

BEAT. Via, parlate, spicciatela.

PANT. Ben, ghe parlerò anca in so presenza. La diga, cara siora Rosaura...

COR. Signora, il signor Florindo aspetta. (a Beatrice)

BEAT. Rosaura, prendetevi la vostra seccatura, e poi venite. (parte)

 

 

 





p. -
10 La bambina.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License