Carlo Goldoni
La vedova spiritosa

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA   Donna Placida ed il Servitore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Donna Placida ed il Servitore.

 

PLA.

A don Fausto, che venga. (al Servitore)

SER.

ora, in verità). (da sé, e parte)

PLA.

Di sì lunga anticamera don Fausto che dirà?

È tanto compiacente, tanto pien di rispetto,

Ch'essere compatita da lui mi comprometto.

Ma chiedo a me medesima: perché con tal pretesto

Sottrarmi al capitano, e poi ricever questo?

Sarebbe mai codesta forza di occulto amore?

Ah, vincerò gl'impulsi, e terrò in guardia il core.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License