Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO SECONDO

Scena Nona. Felice, Marina e Lucietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Felice, Marina e Lucietta

 

LUCIETTA Cara éla, me racomando. (a Felice)

FELICE No vorave desgustar siora Margarita.

MARINA No ghe badè. Se stasse a éla, sta puta no se mariderave mai.

LUCIETTA Se la savesse!

FELICE Cossa vol dir? cossa gh'àla co sta creatura? (a Marina)

MARINA No saveu? invidia. Gh'ha toccà un mario vecchio, la gh'averà rabbia, che a so fiastra ghe tocca un zovene.

LUCIETTA Ho paura de sì mi, che la diga la verità.

FELICE Ora la dise una cossa, ora la ghe ne dise un'altra.

MARINA Se ve digo; no gh'è né sesto, né modelo.89

LUCIETTA No la sa dir altro, che «figurarse, figurarse».

 





p. -
89 Lo stesso che diredritto, né rovescio



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License