Carlo Goldoni
I rusteghi

ATTO TERZO

Scena Prima. Lunardo, Canciano e Simon

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Lunardo, Canciano e Simon

 

Camera di Lunardo

 

LUNARDO Se trata de onor, se trata, vegnimo a dir el merito, de reputazion de casa mia. Un omo della mia sorte. Cossa dirài de mi? cossa dirài de Lunardo Cròzzola?

SIMON Quietève, caro compare. Vu no ghe n'avè colpa. causa le donne; castighèle,1 e tuto el mondo ve loderà.

CANCIANO Sì ben, bisogna dar un esempio. Bisogna umiliar la superbia de ste muggier cusì altiere, e insegnar ai omei a castigarle.

SIMON E che i diga pur, che semo rusteghi.

CANCIANO E che i diga pur, che semo salvadeghi.

LUNARDO Mia muggier causa de tuto.

SIMON Castighèla.

LUNARDO E quela frasconazza, la ghe tien drio.

CANCIANO Mortifichéla.

LUNARDO E vostra muggier ghe tien terzo. (a Cancian)

CANCIANO La castigherò.

LUNARDO E la vostra sarà d'accordo. (a Simon)

SIMON Anca la mia me la pagherà.

LUNARDO Cari amici, parlemo, consegiemose. Con custìe,2 vegnimo a dir el merito, cossa avémio da far? Per la puta facile, e gh'ho pensà, e ho stabilio. Prima de tuto, a monte el matrimonio.3 Mai più, che no la parla de maridarse. La manderò a serar in t'un liogo,4 lontana dal mondo, tra quatro muri, e la fenìa. Ma le muggier come le avémio da castigar? Disé la vostra opinion.

CANCIANO Veramente, confesso el vero; son un pochetin intrigà.

SIMON Se poderave ficcarle5 anca ele in t'un retiro tra quatro muri, e destrigarse cussì.

LUNARDO Questo, vegnimo a dir el merito, sarave un castigo più per nu, che per ele. Bisogna spender; pagar le spese, mandarle vestìe con un pocheto de pulizia, e per retirae che le staga, le gh'averà sempre drento più spasso, e più libertà, che no le gh'ha in casa nostra. Pàrlio ben?6 (a Simon)

SIMON Disé benissimo. Specialmente da vu, e da mi, che no ghe lassemo la brena7 sul colo come mio compare Cancian.

CANCIANO Cossa voleu, che diga? gh'avè rason. Poderessimo tegnirle in casa, serae in t'una camera; menarle un pochetin a la festa con nu, e po tornarle a serar, e che no le vedesse nissun, e che no le parlasse a nissun.

SIMON Le donne ? senza parlar con nissun? Questo un castigo, che le fa crepar in tre .

CANCIANO Tanto meggio.

LUNARDO Ma chi è quel omo, che voggia far l'aguzin? e po se i parenti lo sa, i fa el diavolo, i mete soto mezzo mondo, i ve la fa tirar fora, e po ancora i ve dise, che sé un orso, che sé un tangaro, che sé un can.

SIMON E co avè molà,8 o per amor, o per impegno, le ve tol la man, e no sé più paron de criarghe.

CANCIANO Giusto cusì ha fato con mi mia muggier.

LUNARDO La vera saria, vegnimo a dir el merito, doperar un pezzo de legno.

SIMON Sì, da galantomo, e lassar, che la zente diga.9

CANCIANO E se le se revolta contra de nu?

SIMON Se poderave dar savè.10

CANCIANO Mi so quel che digo.

LUNARDO In sto caso, se troveressimo in t'un bruto cimento.

SIMON E po? no saveu? Ghe ne dei omeni, che bastona le so muggier, ma credeu, che gnanca per questo i le possa domar? Oibò,11 le fa pezo,12 che mai; le lo fa per despeto; se no i le copa, no ghremedio.

LUNARDO Coparle po no.

CANCIANO Mo no, certo; perché po, vòltela, ménela,13 senza donne no se pol star.

SIMON Mo no saràvela una contentezza, aver una muggier bona, quieta, ubidiente? No saràvela una consolazion?

LUNARDO Mi l'ho provada una volta. La mia prima, povereta, la giera un agnelo. Questa? la un basilisco.

CANCIANO E la mia? Tuto a so modo la vol.

SIMON E mi crio, strepito, e no fazzo gnente.

LUNARDO Tuto mal, ma un mal, che se pol soportar; ma in tel caso, che son mi adesso, vegnimo a dir el merito, se trata de assae. Voria ressolver, e no so quala far.

SIMON Mandèla dai so parenti.

LUNARDO Certo! acciò, che la me fazza smatar.14

CANCIANO Mandèla fora.15 Fèla star in campagna.

LUNARDO Pezo! la me consuma le intrae16 in quatro zorni.

SIMON Fèghe parlar; trovè qualchedun che la meta in dover.

LUNARDO Eh! no l'ascolta nissun.

CANCIANO Provè a serarghe i abiti, a serarghe le zoggie, tegnìla bassa; mortifichéla.

LUNARDO Ho provà; se fa pezo, che mai.

SIMON Ho capìo; cusì, compare.

LUNARDO Come?

SIMON Godèvela, come che la .

CANCIANO Ho pensier anca mi, che no ghe sia altro remedio, che questo.

LUNARDO Sì, l'ho capìa che un pezzo. Vedo anca mi, che, co l'è fata no ghe più remedio. M'aveva comodà el mio stomego de soportarla; ma questa, che la m'ha fato, la tropo granda. Ruvinarme una puta de quela sorte? farghe vegnir el moroso in casa? vero, che mi ghe l'aveva destinà per mario, ma cossa savévela, vegnimo a dir el merito, la mia intenzion? Gh'ho qualche motivo17 de maridarla. Ma no me podévio pentir? No se podeva dar, che no se giustessimo? No podeva portar avanti dei mesi, e dei anni? E la me lo introduse in casa? in maschera? da scondon?18 La fa che i se veda? la fa che i se parla? Una mia puta? una colomba inocente? No me tegno; la vòi castigar, la vòi mortificar, se credesse, vegnimo a dir el merito, de precipitar.

SIMON Causa siora Felice.

LUNARDO Sì, causa quella mata de vostra muggier. (a Cancian)

CANCIANO Gh'avè rason. Mia muggier me la pagherà.

 

 





p. -
1 Castigatele



2 Costoro.



3 Non si parli più del matrimonio.



4 Loco.



5 Metterle per forza.



6 Parlo bene?



7 La briglia.



8 E quando avete ceduto.



9 Lasciar che la gente dica quel che sa dire.



10 Sapete.



11 Messer no.



12 Peggio.



13 Volta, rivolta.



14 Svergognare, deridere.



15 S'intende in villa.



16 Le entrate.



17 Qualche cenno.



18 Di nascosto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License