Carlo Goldoni
La ritornata di Londra

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA   La Contessa sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

La Contessa sola.

 

 

È gentile davvero; in grazia sua

Soffrirò la sorella, e sarò seco

Sofferente assai più che non sarei.

Per finezza maggior, vuò andar da lei.

S'ella è cortese tanto

Quanto il fratello suo, sì, mi contento,

E dei giudizi miei quasi mi pento.

 

Vidi appena il vago aspetto,

Sciolse appena il dolce labbro,

Mi sentii ferir il petto

Dallo stral della beltà.

Ma son dama, e saggia sono,

Terrò in guardia il cor nel seno;

Al piacer non abbandono

La preziosa libertà. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License