Carlo Goldoni
La ritornata di Londra

ATTO SECONDO

SCENA QUATTORDICESIMA   Il Marchese, poi Madama   MAR. Questa è una cameriera impertinente, Ma la burla non vuò mi costi niente. MAD. Che mi vuole? MAR. Madama. (inchinandosi) MAD. Riverisco. (sostenuta) MAR. Venuto riverir. (sostenuto) MAD. Sì, l'aggradisco. MAR. Sta bene? MAD. Bene. MAR. Star Milan? MAD. Milano. MAR. Io vol pregar. MAD. Di che? MAR. La man. MAD. La mano. (gli dà da baciar la mano) MAR. Bella mano! MAD. Arrossisco. MAR. Aggradite amor mio? MAD. Sì, l'aggradisco. MAR. (Madama con ciascun fa la cortese). (da sé) MAD. (Quanto mi piace la maniera inglese!) (da sé)       SCENA QUINDICESIMA   Il Barone, travestito con caricatura da parigino, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Il Marchese, poi Madama

 

MAR.

Questa è una cameriera impertinente,

Ma la burla non vuò mi costi niente.

MAD.

Che mi vuole?

MAR.

Madama. (inchinandosi)

MAD.

Riverisco. (sostenuta)

MAR.

Venuto riverir. (sostenuto)

MAD.

Sì, l'aggradisco.

MAR.

Sta bene?

MAD.

Bene.

MAR.

Star Milan?

MAD.

Milano.

MAR.

Io vol pregar.

MAD.

Di che?

MAR.

La man.

MAD.

La mano. (gli da baciar la mano)

MAR.

Bella mano!

MAD.

Arrossisco.

MAR.

Aggradite amor mio?

MAD.

Sì, l'aggradisco.

MAR.

(Madama con ciascun fa la cortese). (da sé)

MAD.

(Quanto mi piace la maniera inglese!) (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License