Carlo Goldoni
Il servitore di due padroni

ATTO PRIMO

Scena Seconda. Truffaldino, Smeraldina e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Truffaldino, Smeraldina e detti

 

TRUFFALDINO Fazz umilissima reverenza a tutti lor siori. Oh, che bella compagnia! Oh, che bella conversazion!

PANTALONE Chi seu, amigo? Cossa comandeu? (a Truffaldino).

TRUFFALDINO Chi èla sta garbata signora? (a Pantalone, accennando Clarice).

PANTALONE La mia fia.

TRUFFALDINO Me ne ralegher.

SMERALDINA E di più è sposa (a Truffaldino).

TRUFFALDINO Me ne consolo. E ella chi èla? (a Smeraldina).

SMERALDINA Sono la sua cameriera, signore.

TRUFFALDINO Me ne congratulo.

PANTALONE Oh via, sior, a monte le cerimonie. Cossa voleu da mi? Chi seu? Chi ve manda?

TRUFFALDINO Adasio, adasio, colle bone. Tre interrogazion in t'una volta l'è troppo per un poveromo.

PANTALONE (Mi credo che el sia un sempio costù) (piano al Dottore).

DOTTORE (Mi par piuttosto un uomo burlevole) (piano a Pantalone).

TRUFFALDINO V. S. è la sposa? (a Smeraldina).

SMERALDINA Oh! (sospirando) Signor no.

PANTALONE Voleu dir chi , o voleu andar a far i fatti vostri?

TRUFFALDINO Co no la vol altro che saver chi son, in do parole me sbrigo. Son servitor del me padron (a Pantalone). E cusì, tornando al nostro proposito... (voltandosi a Smeraldina).

PANTALONE Mo chi xèlo el vostro padron?

TRUFFALDINO L'è un forestier che vorave vegnir a farghe una visita (a Pantalone). Sul proposito dei sposi, discorreremo (a Smeraldina, come sopra).

PANTALONE Sto forestier chi xèlo? Come se chiamelo?

TRUFFALDINO Oh, l'è longa. L'è el sior Federigo Rasponi torinese, el me padron, che la reverisse, che l'è vegnù a posta, che l'è da basso, che el manda l'ambassada, che el vorria passar, che el me aspetta colla risposta. Èla contenta? Vorla saver altro? (a Pantalone. Tutti fanno degli atti di ammirazione). Tornemo a nu... (a Smeraldina, come sopra).

PANTALONE Mo vegni qua, parlè co mi. Cossa diavolo diseu?

TRUFFALDINO E se la vol saver chi son mi, mi son Truffaldin Batocchio, dalle vallade de Bergamo.

PANTALONE No m'importa de saver chi siè vu. Voria che me tornessi a dir chi sto vostro padron. Ho paura de aver strainteso.

TRUFFALDINO Povero vecchio! El sarà duro de recchie. El me padron l'è el sior Federigo Rasponi da Turin.

PANTALONE Andè via, che un pezzo de matto. Federigo Rasponi da Turin el morto.

TRUFFALDINO L'è morto?

PANTALONE L'è morto seguro. Pur troppo per elo.

TRUFFALDINO (Diavol! Che el me padron sia morto? L'ho pur lassà vivo da basso!). Disì da bon, che l'è morto?

PANTALONE Ve digo assolutamente che el morto.

DOTTORE Sì, è la verità; è morto; non occorre metterlo in dubbio.

TRUFFALDINO (Oh, povero el me padron! Ghe sarà vegnù un accidente). Con so bona grazia (si licenzia).

PANTALONE No volè altro da mi?

TRUFFALDINO Co l'è morto, no m'occorre altro. (Voi ben andar a veder, se l'è la verità) (da sé, parte e poi ritorna).

PANTALONE Cossa credemio che el sia costù? Un furbo, o un matto?

DOTTORE Non saprei. Pare che abbia un poco dell'uno e un poco dell'altro.

BRIGHELLA A mi el me par piuttosto un semplizotto. L'è bergamasco, no crederia che el fuss un baron

SMERALDINA Anche l'idea l'ha buona. (Non mi dispiace quel morettino).

PANTALONE Ma cossa se insonielo de sior Federigo?

CLARICE Se fosse vero ch'ei fosse qui, sarebbe per me una nuova troppo cattiva.

PANTALONE Che spropositi! No aveu visto anca vu le lettere? (a Clarice).

SILVIO Se anche fosse egli vivo e fosse qui, sarebbe venuto tardi.

TRUFFALDINO (ritorna) Me maraveio de lor siori. No se tratta cusì colla povera zente. No se inganna cusì i forestieri. No le son azion da galantomeni. E me ne farò render conto.

PANTALONE (Vardemose, che el matto). Cossstà? Cossa v'ali fatto?

TRUFFALDINO Andarme a dir che sior Federigh Rasponi l'è morto?

PANTALONE E cusì?

TRUFFALDINO E cusì l'è qua, vivo, san, spiritoso e brillante, che el vol reverirla, se la se contenta.

PANTALONE Sior Federigo?

TRUFFALDINO Sior Federigo.

PANTALONE Rasponi?

TRUFFALDINO Rasponi.

PANTALONE Da Turin?

TRUFFALDINO Da Turin.

PANTALONE Fio mio, andè all'ospeal, che matto.

TRUFFALDINO Corpo del diavolo! Me farissi bestemiar come un zogador. Mo se l'è qua, in casa, in sala, che ve vegna el malanno.

PANTALONE Adessadesso ghe rompo el muso.

DOTTORE No, signor Pantalone, fate una cosa; ditegli che faccia venire innanzi questo tale, ch'egli crede essere Federigo Rasponi.

PANTALONE Via, felo vegnir avanti sto morto ressuscità.

TRUFFALDINO Che el sia stà morto e che el sia resuscità pol esser, mi no gh'ho niente in contrario. Ma adesso l'è vivo, e el vederì coi vostri occhi. Vagh a dirghe che el vegna. E da qua avanti imparè a trattar coi forestieri, coi omeni della me sorte, coi bergamaschi onorati (a Pantalone, con collera). Quella giovine, a so tempo se parleremo (a Smeraldina, e parte).

CLARICE (Silvio mio, tremo tutta) (piano a Silvio).

SILVIO (Non dubitate; in qualunque evento sarete mia) (piano a Clarice).

DOTTORE Ora ci chiariremo della verità.

PANTALONE Pol vegnir qualche baronato a darme da intender delle fandonie.

BRIGHELLA Mi, come ghe diseva, sior compare, l'ho conossudo el sior Federigo; se el sarà lu, vederemo.

SMERALDINA (Eppure quel morettino non ha una fisonomia da bugiardo. Voglio veder se mi riesce...). Con buona grazia di lor signori (parte).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License