Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Quarta. Marcolina, poi Pellegrin

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Marcolina, poi Pellegrin

 

MARC. In verità dasseno una fortuna più granda no podeva desiderar. Son segura che mia fia starà ben; so che putto che el xe, so che casa che i gh'ha. Oh per diana, xe qua mio mario! Ho giusto da caro, che ghe lo dirò prima a elo, e farò che elo ghe lo diga a so pare. Vegnì qua mo, sior Pellegrin.

PELL. No criè, vedè, mi no ghe n'ho colpa.

MARC. De cossa?

PELL. Ho sentìo in cusina, che avè crià per el zucchero e per el caffè... No criè con mi, che mi no so gnente.

MARC. Eh! adesso no xe tempo de parlar de ste cosse. V'ho da dir qualcossa che importa più.

PELL. De ben, o de mal?

MARC. De ben, de ben.

PELL. Sia ringrazià el cielo. Ho sempre paura che ghe sia del mal.

MARC. Ho maridà vostra fia.

PELL. La xe maridada?

MARC. M'intendo la xe promessa.

PELL. Chi l'ha promessa?

MARC. Mi.

PELL. Vu?

MARC. Sior sì, mi. Ve opponeressi fursi a quel che ha fatto vostra muggier?

PELL. Mi no parlo.

MARC. Lo so che in sta casa mi no son parona de gnente. Ma no gh'ho altro al mondo che sta creatura, e sulla mia creatura crederave de poder arbitrar.

PELL. Xe vero, la xe la vostra creatura; ma crederave che la fusse anca mia.

MARC. Sior sì. Gh'avè rason; ma co ve dirò a chi l'ho promessa, sarè contento anca vu.

PELL. Ben; sentiremo. Se me parerà.

MARC. Se ve parerà? Ve metteressi in testa de desfar quel che ho fatto?

PELL. Oh bella! Me disè che avè promesso mia fia; me disè che sarò contento: voleu che sia contento avanti de saver el novizzo?

MARC. Vostra muggier no xe capace de far una stramberia.

PELL. Mi no digo ste cosse.

MARC. Parlè in t'una certa maniera...

PELL. Voleu che tasa? Taso.

MARC. Sior Meneghetto Ramponzoli lo cognosseu?

PELL. Siora no.

MARC. E so pare, sior Massimo?

PELL. Gnanca.

MARC. E siora Scolastica?

PELL. Pezo.

MARC. Mo che omo seu? No cognossè nissun. No cognossè i zermani de siora Fortunata Marsioni?

PELL. Mi no cognosso gnanca le anguelle, se no basta i marsioni.

MARC. Se no i cognossè vu, li cognosso mi.

PELL. Benissimo.

MARC. E el partio xe bon. E la putta anderà a star da regina. Cossa diseu?

PELL. Cossa voleu che diga? Sarà cussì, come che disè.

MARC. Ve par che abbia promesso troppo a prometterghe siemile ducati?

PELL. Per mi, co mio pare xe contento elo, son contento anca mi.

MARC. Bisogna che ghe parlè a vostro pare.

PELL. Cossa voleu che ghe diga?

MARC. Diseghe quel che v'ho ditto mi.

PELL. Mo se mi sta zente no la cognosso.

MARC. Se no la cognossè vu, la cognosso mi.

PELL. Donca parleghe vu.

MARC. Mo andè , che un gran omo de stucco.

PELL. Via, principieu a criar?

MARC. Delle volte me faressi andar zo dei bazari. Cossa voleu? Che quella povera putta fazza la muffa in casa? Voleu che la fazza la vita che fazzo mi? Vostro pare deventa ogni zorno pezo che mai. No se pol più viver; ne manca el nostro bisogno. Destrighè quella putta, sior Pellegrin, destrighè quella putta. (con collera)

PELL. Ma mi, cossa voleu che fazza?

MARC. Seu un omo, o seu un pàmpano?

PELL. A vu cossa ve par che sia?

MARC. Sì, omo in quelle cosse che no m'importa; e un pàmpano, co se tratta de vu e della vostra fameggia. Andè subito da vostro pare; diseghe che xe capità sta bona occasion, che assolutamente no se l'avemo da lassar scampar. Parleghe della dota. Sentì cossa che el ve dise. Manco de siemile no certo. Se nol cognosse el putto, xe giusto che el lo cognossa: son una donna ragionevole; xe giusto che el sia informà. L'informerò mi, se bisogna; ma intanto parleghe vu. Sentì se el xe ben disposto; rilevè se el gh'avesse qualche difficoltà. Se el gh'ha delle difficoltà, parleghe fora dei denti; disè l'animo vostro, desmissieve, buttè via quella gnagnera. Ah! cossa diseu?... Puh! omeni senza sesto; piegore monzue. Gh'ho una rabbia intorno, che no la posso più sopportar.

PELL. Ma che sugo ghe xe mo adesso d'andar in collera?

MARC. Parlo, parlo, e no me respondè.

PELL. Bisogna ben che pensa anca mi el modo, come che ho da parlar, come che me ho da introdur.

MARC. Ghe vol tanto? De cossa gh'aveu paura? Al pare s'ha da portar respetto, se gh'ha da parlar con respetto; ma in te le cosse giuste se pol dir la so rason; perché saveu, fio caro? Chi se fa piegora, el lovo la magna.

PELL. Ben, ghe parlerò.

MARC. Parleghe subito.

PELL. Ghe parlerò... avanti che andemo a disnar.

MARC. Andè subito, ve digo.

PELL. No ghe xe sta pressa.

MARC. Destrigheve; no me fe andar in collera che debotto debotto...

PELL. Via, quieteve, anderò subito. (Ah poveretto mi! Prego el cielo che me daga pazienza). (parte)

MARC. Mo che omeni, mo che omeni che se trova! El m'ha toccà a mi per mia maledetta desgrazia. Mi che son tutta spirito, tutta fogo! E lu el xe una pepa, che propriamente par che el casca da tutte le bande. E mia fia? Oh! anca ela no la pol dir de no esser fia de so pare; la xe una gnegné co fa elo. A mi no la me someggia seguro. Mi, per diana de dia, no me perderave, se fusse in mezzo un'armada. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License