Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO PRIMO

Scena Settima. Todero, e poi Pellegrin

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Todero, e poi Pellegrin

 

TOD. Sior sì, in sta maniera no dago fora i bezzi della dota. Za la putta, se la sta in casa, bisogna che la mantegna, e obligo pare e fio a star con mi, e a servirme come vôi mi. Se nasserà dei fioi, qualcossa sarà. Se i sarà maschi, i vegnirà grandi, i me servirà. I manderò fora in tei mi loghi, i me servirà da fattori. Co Desiderio no sarà più bon, i starà in mezzà con Nicoletto. Xe meggio sempre aver in casa della zente de cuor.

PELL. Sior pare, patron.

TOD. Sioria.

PELL. Se la xe contenta, ghe vorave parlar.

TOD. Coss'è, sior? Piove?

PELL. Per cossa?

TOD. Chi v'ha insegnà la creanza de vegnir a parlar con vostro pare col cappello in testa?

PELL. La compatissa. (si cava il cappello)

TOD. Cossa gh'aveu da dirme? Qualche strambezzo de vostra muggier?

PELL. Sior no, ghe vorave parlar de mia fia.

TOD. Cossa ghe casca a quella sempia?

PELL. Perché mo ghe dìselo sempia?

TOD. Perché la xe una sempia, e perché son paron de dir quel che voggio: gh'ala gnente in contrario, patron?

PELL. Mi no digo gnente.

TOD. Cossa volevi dirme de vostra fia?

PELL. Ghe saria una bona occasion de logarla.

TOD. La xe logada.

PELL. La xe logada?

TOD. Sior sì; fe conto che la sia maridada.

PELL. Senza che mi sappia gnente?

TOD. In sta casa comando mi.

PELL. E mia muggier lo sala?

TOD. La lo saverà, quando vorrò mi.

PELL. Caro sior pare, no vorria che nassesse qualche desordene.

TOD. Che desordeni voleu che nassa?

PELL. Mia muggier ha promesso la putta a un certo sior Meneghetto Ramponzoli.

TOD. Vostra muggier l'ha promessa? E gh'avè stomego da soffrirlo? E gh'avè tanta poca prudenza da dirlo? Da quando in qua le donne ale da torse sta libertà de comandar, de disponer, de prometter le fie? A vu le ve la pol far, che un pezzo de giazzo vestio da omo. Ma mi no la tegnirò. Comando mi, son paron mi, e la voggio maridar mi. E vu, sior, cossa diseu?

PELL. Mi no digo gnente. Me despiase per mia .

TOD. Diseghe che la vegna a parlar con mi.

PELL. La diga, sior pare, poderávio almanco saver chi xe el novizzo che l'ha destinà per mia fia?

TOD. Lo saverè co me parerà a mi.

PELL. De diana! finalmente po son so pare.

TOD. E mi son el pare del pare, e son paron dei fioi e son paron della nezza, e della dota, e della casa, e de tutto quello che voggio mi. (parte)

PELL. Oh poveretto mi! adessostago fresco. Cossa dirà mia muggier? Son tra l'ancuzene e el martello. No so quala far. M'anderave a sconder. M'anderave a buttar in canal. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License