Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Dodicesima. Cecilia e detti, poi Gregorio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Cecilia e detti, poi Gregorio

 

CEC. Sior sì, cossa voràvelo dir? El m'ha sposà mi. No l'ha sposà una massera, l'ha sposà una cameriera civil, una putta da ben e onorata.

TOD. Pare e fio, fora subito de casa mia (a Desiderio)

CEC. Ah! sior patron, se raccomandemo alla so carità.

TOD. No ghcarità che tegna. Baroni, canaggia. Fora subito de casa mia. (strillando)

DESID. Coss'è sto scazzarne? Coss'è sto strapazzar? Son qua; vôi star qua, e no voggio andar via. (con forza)

FORT. Olà, olà, patroni. (alzando la voce)

MARC. Oe, Gregorio, andè presto a chiamar mio mario. (con affanno, e forte. Gregorio si fa vedere, e corre via)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License