Carlo Goldoni
Sior Todero brontolon

ATTO TERZO

Scena Quattordicesima. Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto e Desiderio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto e Desiderio

 

DESID. E mi? Cossa ha da esser de mi?

TOD. E vu tornerè a Bergamo a arar i campi.

DESID. Oh! sior patron, la sa con quanta attenzion, con quanta fedeltà l'ho servia. La servirò ancora per gnente, senza salario, per gnente.

TOD. Me servirè per gnente? (con più dolcezza)

DESID. Sior sì, ghe lo prometto.

FORT. Sior sì, sior sì, el ve servirà per gnente. Ma de aria no se vive. El ve servirà per gnente, e el se pagherà da so posta. (a Todero, forte)

DESID. Cossa gh'ìntrela ela? Me vorla veder precipità?

TOD. Tasè . (a Desiderio) Son poveromo; mi no posso pagar un fattor. (a Fortunata)

MARC. Caro sior missier, no gh'avè vostro fio?

TOD. Nol xe bon da gnente. (a Marcolina)

FORT. Sior Meneghetto lo assisterà. (a Todero)

TOD. Cossa gh'ìntrelo elo in ti fatti mii? (a Fortunata)

FORT. El gh'intreria, sel volesse. (a Todero, dolcemente)

MARC. Intèndelo, sior missier? (a Todero, dolcemente)

TOD. Coss'è, cossstà? Cossa voleu che intenda? Che zente seu? No savè gnanca parlar.

FORT. Parlè vu, sior zerman. (a Meneghetto)

MENEG. Sior Todero, la vede che quella scrittura sì fatta xe revocada dal fatto.

TOD. Ben; e cussì?

MENEG. Se la se degna de accordarme so siora nezza...

TOD. Via; gh'è altro?

MENEG. Son pronto a darghe la man.

TOD. E no disè altro più de cussì?

MENEG. La comandi.

TOD. No m'aveu ditto che la torrè senza dota?

MENEG. Sior sì, senza dota.

TOD. Mo vedeu? No savè parlar. Sior sì, son galantomo: quel che ho promesso, mantegno: ve la darò.

MARC. Bravo, sior missier, son contenta anca mi.

TOD. No ghe xe bisogno che siè contenta, o che no siè contenta; co son contento mi, basta.

MARC. (Mo el xe ben un omazzo!)

TOD. E vu, sior, cossa feu qua? (a Desiderio)

DESID. Stago a veder sta bella scena: vedo tutto, capisso tutto. Che i se comoda, che i se sodisfa; ma mi non anderò via de qua. Ho servio, semo parenti. Faremo lite.

MENEG. Avanti de far lite, che sior Desiderio renda conto della so amministrazion.

DESID. El diavolo che ve porta. via per no precipitar. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License