Carlo Goldoni
La scuola moderna

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Rosmira, Doralba, e poi Ergasto in disparte.

 

DOR.

Ve l'ho detto, Rosmira; io più non voglio

Vedervi in casa.

ROS.

Ed io

Fuori n'andrò. Mia madre

Mi lasciò tal ricchezza

Da viver sola ancor.

DOR.

Non partirete

Da qui senza marito.

ROS.

Ma s'io l'abborro. Oh quanto

Bella è la libertà! Dono del cielo

È questa, e chi la perde

Per stringersi in catene,

Perder merita ancor ogn'altro bene.

Di più, degli anni miei

Troppo tenero è il fior. Quando alle nozze

Così presto si va, presto svanisce

Nostra bellezza ancor, e senza questa

Ci abbandona ciascun, e ci detesta.

DOR.

Ma lo spirito è un pregio

Che non si perde mai. Questo supplisce

Alla beltà che manca.

Or basta, un tal pretesto

È inutile, Rosmira,

Per ricusar Belfior per vostro sposo.

ERG.

(Oh decreto inumano!)

ROS.

Un tal passo però...

DOR.

Questo contrasto

Si termini fra noi... Venite, Ergasto.

Ma mesto mi sembrate.

ERG.

(Spieghiam l'occulto ardore).

Voi togliete la pace a questo cuore.

DOR.

Io?

ERG.

Sì.

DOR.

(Me fortunata!) E come?

ERG.

Oh Dio!

Siete troppo crudele all'amor mio.

ROS.

(Ed in Ergasto amor per me si smorza).

DOR.

(Lo spirto finalmente ha una gran forza).

ERG.

Di me pietade abbiate, e non prendete

Di vedermi morire il fier diletto.

DOR.

(Mi muove a compassione).

Tutto da me sperate.

ERG.

Dunque otterrò colei che m'innamora?

DOR.

Chi?

ERG.

Rosmira.

DOR.

Rosmira?

ERG.

Ella è il mio nume.

ROS.

(Anima mia, respira).

DOR.

(Oh me ingannata!) Ergasto, altrui promessa

Di Rosmira è la mano,

E lo sperarla è uno sperarla invano.

 

Ah se la dolce fiamma

Abbandonar degg'io,

Lasciami almen, ben mio,

Lasciami sospirar.

Questo ti chiedo solo,

E lascierò d'amarti

Se non m'uccide il duolo

Che sento il cor piagar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License