Carlo Goldoni
Le smanie per la villeggiatura

ATTO TERZO

Scena Decima. Filippo e Fulgenzio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Filippo e Fulgenzio

 

Camera in casa del signor Filippo.

 

FILIPPO: Per me, vi dico, son contentissimo. Il signor Leonardo è un giovane proprio, civile, di buona nascita, ed ha qualche cosa del suo. È vero che gli piace a spendere, e specialmente in campagna, ma si regolerà.

FULGENZIO: Eh! per questa parte, non avete occasion di rimproverarlo.

FILIPPO: Volete dire, perché faccio lo stesso anch'io? Ma vi è qualche differenza da lui a me.

FULGENZIO: Basta, non so che dire. Voi lo conoscete. Voi sapete il suo stato; dategliela, se vi pare; se non vi pare, lasciate.

FILIPPO: Io gliela do volentieri. Basta ch'ella ne sia contenta.

FULGENZIO: Eh! mi persuado che non dirà di no.

FILIPPO: Sapete voi qualche cosa?

FULGENZIO: Sì, so più di voi, e so quello che dovreste saper meglio voi. Un padre dee tener gli occhi aperti sulla sua famiglia, e voi che avete una figliuola sola, potreste farlo meglio di tanti altri. Non si lasciano praticar le figlie. Capite? Non si lasciano praticare. Non ve lo diceva io? È donna. Oh, oh! mi dicevate: è prudente. Ed io vi diceva: è donna. Con tutta la sua saviezza, con tutta la sua prudenza, sono passati degli amoretti fra lei e il signor Leonardo.

FILIPPO: Oh! sono passati degli amoretti?

FULGENZIO: Sì, e ringraziate il cielo che avete a fare con un galantuomo; e dategliela, che farete bene.

FILIPPO: Sicuramente. Gliela darò, ed ei l'ha da prendere, ed ella l'ha da volere. Fraschetta! Amoretti, eh!

FULGENZIO: Cosa credete? Che le ragazze siano di stucco? Quando si lasciano praticare...

FILIPPO: Ha detto di venir qui il signor Leonardo?

FULGENZIO: No, anderò io da lui; e lo condurrò da voi, e che concludiamo.

FILIPPO: Sempre più mi confesso obbligato al vostro amore, alla vostra amicizia.

FULGENZIO: Vedete se ho fatto bene io a persuadervi a staccare dal fianco di vostra figlia il signor Guglielmo?

FILIPPO: (Oh diavolo! E l'amico è in casa).

FULGENZIO: Leonardo non l'intendeva, ed aveva ragione, e se il signor Guglielmo andava in campagna con voi, non la prendeva più certamente.

FILIPPO: (Povero me! Sono più che mai imbarazzato).

FULGENZIO: E badate bene, che il signor Guglielmo non si più in compagnia di vostra figliuola.

FILIPPO: (Se Giacinta non trova ella qualche ragione, io non la trovo sicuro).

FULGENZIO: Parlate con vostra figlia, ch'io intanto andrò a ritrovare il signor Leonardo.

FILIPPO: Benissimo... Bisognerà vedere...

FULGENZIO: Vi è qualche difficoltà?

FILIPPO: Niente, niente.

FULGENZIO: A buon rivederci, dunque. Or ora sono da voi. (In atto di partire.)


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License