Carlo Goldoni
La sposa persiana

ATTO TERZO

Scena Nona. Curcuma, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Curcuma, e detti

 

CURCUMA Eccomi: (oh me meschina!) un uom, che mi ha veduta.

Presto, pria, che si dica, che ho l’onestà perduta (vuol coprirsi).

MACHMUT Odimi.

CURCUMA Si, signore (coprendosi).

MACHMUT Qual timore improviso?

CURCUMA Non v’è un uomo? mi sento i rossori sul viso.

MACHMUT Vieni; l’età canuta ti salva dal rigore.

CURCUMA Eh, se sono canuta, è per troppo calore.

MACHMUT Odimi.

CURCUMA Dite pure.

MACHMUT Eh scopriti, schifosa.

CURCUMA Signor sì; sono stata sempre un po’ vergognosa.

MACHMUT Fa, che Ircana a me venga, e se venir non vuole.

Usa la forza, quando non vaglian le parole;

Legata dagli eunuchi, guidala al mio cospetto.

Eseguisci il comando, sollecita ti aspetto.

CURCUMA Legata? strascinata? oh povera ragazza!

Più tosto son qua io...

MACHMUT Vanne: sei vecchia, e pazza.

CURCUMA Oh questo maltrattarmi, signor padron mio caro,

Dirmi che sono vecchia è un boccon troppo amaro.

Per le fatiche il viso par un po’ crespo, e vecchio,

Ma sono le mie carni lustre come uno specchio (parte).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License