Carlo Goldoni
Torquato Tasso

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Don Gherardo e Targa,

 

TAR.

Del povero padrone non so che cosa sia;

Sei, sette volte il giorno lo vedo in frenesia

Egli non ha perduto della ragione il lume,

Ma tetro divenuto mi pare oltre il costume.

GHE.

Giovine egli era ancora, era in età puerile,

Che gravità mostrava sostenuta e virile.

Narrano quanti amici finor l'han conosciuto,

A ridere giammai non averlo veduto.

Questo suo umor patetico principio ha dalle fasce;

Difficile è la cura d'un mal con cui si nasce.

TAR.

È vero, anch'io il proverbio dir più volte ascoltai:

Quando si nasce matti, non si guarisce mai. (parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License