Carlo Goldoni
Il teatro comico

ATTO PRIMO

Scena Settima. Orazio e Vittoria

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Orazio e Vittoria

 

ORAZIO Ecco i soliti versi. Una volta tutte le scene si terminavano così.

VITTORIA È verissimo; tutti i dialoghi si finivano in canzonetta. Tutti i recitanti all'improvviso diventavano poeti.

ORAZIO Oggidì essendosi rinnovato il gusto delle commedie, si è moderato l'uso di tali versi.

VITTORIA Gran novità si sono introdotte nel teatro comico!

ORAZIO Pare a voi, che chi ha introdotto tali novità abbia fatto più male, o più bene?

VITTORIA Questa è una quistione, che non è per me. Ma però vedendo, che il mondo vi applaudisce, giudico, che avrà fatto più bene, che male. Vi dico ciò non ostante, che per noi ha fatto male, perché abbiamo da studiare assai più, e per voi ha fatto bene, perché la cassetta vi frutta meglio.(parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License