Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Truffaldino, poi il Dottore

 

TRUFF. Quanto tempo che l'è, che vado studiando la maniera de viver senza far gnente. L'ho pur trovada.

DOTT. Galantuomo.

TRUFF. Signor.

DOTT. Volete venire a portare un sacco di farina?

TRUFF. A mi portar farina? Saviu chi son mi?

DOTT. Non siete voi un facchino?

TRUFF. Ve ne mentì per la gola. Son un tocco de fradello de una ballarina. E a mi se me porta respetto, e feme grazia, sior Dottor, de dir a sior Lucindo vostro fiol, che in casa mia nol staga mai più a vegnir, che no l'ardissa de far l'amor con Smeraldina mia sorella, né de dir de volerla sposar, perché una ballarina no se degna de un spiantà de la so sorte, e chi vol vegnir in casa nostra, le vol esser doppie e zecchini. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License