Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Momolo e detti

 

MOM. Son qua, fia mia.

SMER. Caro Momolo, ve fe molto aspettar. Savè pur che no gh'ho altra compagnia che la vostra, e senza de vu no posso star un momento.

MOM. S'alo più visto sior Lucindo?

SMER. Oh, nol ghe vien più in casa mia, no ghe xe pericolo.

MOM. Se el ghe vien, se lo so, se lo trovo, lo taggio in quarti co fa un polastro.

SMER. Fideve de mi, ve digo. Savè che ve voggio ben; me maraveggio gnanca, che disè ste cosse.

MOM. No parlemo altro. Sappiè, fia mia, che ho trovà el maestro. El vegnirà ogni zorno a insegnarve, e el se impegna in tre o quattro mesi metterve in stato de ballar in teatro, e no miga solamente a figurar, ma el se impegna de farve far anca un padedù.

SMER. Un padedù! Cossa xelo sto padedù?

MOM. Un ballo figurà col compagno, con tutti i so passi che ghe vol, e col so bel pantomimo.

SMER. E el pantomim? cossa vorlo dir?

MOM. Le azion mute che se fa in te la introduzion del ballo, e anca in tel ballo istesso: cosse concertae tra l'omo e la donna, che za, per el più, da l'udienza no se capisse una maledetta.

SMER. E mi mo le saveroggio far?

MOM. Non ve indubitè gnente. Tra el ballarin e mi ve insegneremo pulito; e co avè imparà un per de padedù, ghe ne poderè far cento, che za i xe tutti compagni. Per esempio, vegnirè fora colla rocca filando, o con un secchio a trar dell'acqua, o con una vanga a zappar. El vostro compagno vegnirà fora, o colla carriola a portar qualcossa, o colla falce a taggiar el gran, o colla pippa a fumar, e siben che la scena fusse una sala, tanto e tanto, se vien fora a far da contadini o da marineri. El vostro compagno no ve vederà: vu anderè a cercarlo, e e lu ve scazzerà via. Ghe batterè una man su la spalla, e lu con un salto l'anderà dall'altra banda. Vu ghe correrè drio: lu el scamperà, e vu anderè in collera. Quando che vu sarè in collera, a lu ghe vegnirà voggia de far pase; el ve pregherà, vu lo scazzerè; scamperè via, e lu ve correrà drio. El se inzenocchierà, farè pase: vu, menando i penini, l'inviderè a ballar; anca elo, menando i pie, el dirà ballemo, e tirandove indrio, allegramente scomenzerè el padedù. La prima parte allegra, la segonda grave, la terza una giga. Procurerè de cazzarghe dentro sie o sette delle meggio arie da ballo che s'abbia sentio; farè tutti i passi che savè far, e che sia el padedù o da paesana, o da zardiniera, o da granatiera, o da statua, i passi sarà sempre i medesimi, le azion sarà sempre le istesse: correrse drio, scampar, pianzer, andar in collera, far pase, zirar i brazzi sora la testa, saltar in tempo e fora de tempo, menar i brazzi e le gambe e la testa e la vita e le spalle, e sora tutto rider sempre col popolo, e storzer un pochetto el collo co se passa arente i lumini, e far delle belle smorfie all'udienza, e una bella riverenza in ultima, e imparar ben tutte ste cosse a memoria, e farle con spirito e con franchezza; i cria brava, i sbatte le man, e dopo el primo anno, prima figura, dusento doppie, e i sonetti coi colombini.

SMER. Sior Momolo, basta cussì, ho inteso tutto; m'impegno che vederè se la vostra lezion la farò pulito. In verità dasseno, me par de esser ballarina a st'ora; andarave stassera in teatro.

MOM. Vedeu? Sto coraggio, sta prontezza, sto ardir xe quello che fa più de tutto. Cossa importa se no se sa gnanca el nome dei passi? Spirito ghe vol e bona grazia, e se se falla, tirar de longo. Intanto, per un principio de bon augurio, tolè sto aneletto, che ve lo dono.

SMER. Oh co bello! grazie, sior Momoletto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License