Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Pantalone e detti.

 

PANT. Com'ela, sier buletto dal stilo? Seu nato per far paura? Doveressi andar in ti campi a spaventar le passere.

MART. Ve porto respetto, perché vecchio.

BRIGH. El mio anello, la mia roba. No se tratta cussì.

PANT. Com'ela, compare Martin?

MART. Ve torno a dir, che col vostro patron me manderà i mi quaranta ducati, ghe darò el so anello.

PANT. Un anello de sior Ottavio?

BRIGH. Sior sì, el me l'ha cavà dalle man.

PANT. E vu gh'averè tanto ardir de tegnir un anello in pegno, quando un omo della mia sorte v'ha dito che sarè pagà?

MART. Mi no so gnente. Co gh'averò i mi bezzi, darò l'anello.

PANT. Sior Ottavio xe un galantomo.

MART. I mi quaranta ducati.

PANT. Mi son un omo d'onor.

MART. Quaranta ducati.

PANT. Vintiquattro ore no xe passae.

MART. In vintiquattro ore se va a Ferrara.

PANT. Quel signor no xe capace de una mala azion.

MART. I mi quaranta ducati.

PANT. I vostri quaranta ducati i xe qua parecchiai. (tira fuori una borsa)

BRIGH. Fora l'anello, patron. (a Martino)

MART. Contème i mi quaranta ducati.

PANT. Tegnì saldo. Quaranta ducati d'arzento i fa tresento e vinti lire de sta moneda. Quattordese zecchini fa tresento e otto. Con dodese lire arente vu pagà. (contando)

MART. Va ben; deme i bezzi.

PANT. Fora l'anello.

MART. Tolè, sior. (lo a Pantalone)

PANT. Questi xe i vostri bezzi.

MART. I zecchini xeli de peso?

PANT. Vardè se i xe de peso per la marcanzia che gh'avè vendù.

MART. Ho rischià el mio sangue.

PANT. un farabutto.

MART. No ve bado, perché vecchio. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License