Carlo Goldoni
La vendemmia

PARTE PRIMA

SCENA QUINTA   Rosina e Cecchina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Rosina e Cecchina

 

ROS.

Or io son persuasa

Dell'amor del padron.

CECC.

Pianino un poco;

Il padron ama me, se tu nol sai.

ROS.

Ma più di me son guai.

CECC.

Sì, più di te; s'è visto

Che, quando mi guardava,

Dava segni d'amor, né m'ingannava.

ROS.

Stai fresca in verità: mi avvidi anch'io

Quel che il padron faceva.

Ti dava un'occhiatina, e poi rideva.

CECC.

E che vuoi dir per questo?

ROS.

Basti così, non ti vuò dire il resto.

 

CECC.

Rabbiosetta ti conosco,

Ma soffrire ti conviene.

Il padrone mi vuol bene,

Così è, signora sì.

E sarà sempre così.

Se tu sei più vezzosa,

Io sono più graziosa,

Ma un brio si trova in me

Che certo in te non è.

È data la sentenza,

E ci vorrà pazienza.

Quel cor non è per te.

(parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License