Carlo Goldoni
La villeggiatura

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Libera e Don Paoluccio.

 

LIB. (Sentite che bel modo di dire? Se dicesse davvero il signor don Paoluccio, scambierei in meglio). (da sé)

PAOL. Cara signora Libera! quanti adoratori averà la signora Libera?

LIB. Io non sono signora, vi torno a dire; e non occorre diciate d'adoratori, ch'io non ho nessuno che mi guardi.

PAOL. Nessuno che vi guardi? Una bellezza come la vostra nessuno la guarda? nessun la coltiva?

LIB. Chi volete che si degni di me?

PAOL. Mi degnerei ben io, se voi ne foste contenta.

LIB. E che cosa vorrebbe da me?

PAOL. Niente altro che la grazia vostra.

LIB. Vossignoria è un cavaliere, ed io sono una contadina...

PAOL. Ora non so niente di cavalleria. Andatevi voi alzando bel bello, io bel bello mi anderò abbassando, e vo' che siamo del pari.

LIB. Che caro signor don Paoluccio!

PAOL. Sapete anche il mio nome?

LIB. L'ho veduto qui delle altre volte negli anni passati: me ne ricordo, e ho sempre detto... Basta; non dico altro.

PAOL. Ed io non mi ricordo di avere veduta voi. Sfortunatissimo che sono stato! se prima vi conosceva, non andavo a Parigi, non andavo a Londra, non andavo in Fiandra; non mi partivo da questa villa.

LIB. Oh, oh! adesso capisco che mi burlate.

PAOL. Dico davvero, siete la più bella giovine di questo mondo...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License