Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Beatrice sola.

 

BEAT. Così mi lascia? Così mi tratta? Indegno, malcreato! Così una mia pari schernisce? Ecco dove mi hanno condotto quei savi giovani. Ecco a qual impegno mi hanno sagrificata. Misera me! Ottavio mi fugge; ma questo è il meno; il perfido mi deride, m’insulta, e la sua moglie trionferà, riderà di me quella vile, quella plebea. Chi sa ch’ella non sia a vedermi dietro a qualche portiera? Oh cielo! il dolore mi opprime, il furore m’assale, moro, non posso più. (cade sopra una sedia, svenuta)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License