Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Brighella, poi il conte Ottavio

 

BRIGH. Pettegola maledetta! Tolè su, questo è quel che s'avanza a far l'amor con ste sporche. Le se tol confidenza, e le strapazza.

OTT. Hai mai finito di rapare questo tabacco?

BRIGH. Sior... se la savesse... Più che se gh'ha voggia de far ben a sto mondo, e più se vien perseguitadi.

OTT. Che cosa è stato?

BRIGH. Son qua che gratto el tabacco, e vien Corallina a insolentarme... (rapando con rabbia)

OTT. Ho pur detto che la gente di mia cognata non ha da venire nelle mie camere.

BRIGH. E mi, lustrissimo, oi da lassar de rapar el tabacco per servir la lustrissima siora Beatrice?

OTT. Tu servi me, e non lei. Come ci entra la contessa a comandare alla mia servitù?

BRIGH. Se ghe l'ho dito. I m'ha tolto per el facchin de casa. (rapando)

OTT. Che cosa è stato?

BRIGH. Ghe dirò, signor, era qua che fava i fatti mii, per servizio del me padron; vien Corallina, e la dise che la signora contessa me vol mandar in t'un servizio. Digo: aspettè; sior no. Lassè che fenissa de rapar, sior no. Vegnirò adess'adesso; sior no. In somma la dis cussì che tutti i servitori i è al so comando. Che l'è padrona, e che s'ha da lassar tutto per servirla ella.

OTT. Lasciar tutto per servir lei? (con caricatura) Finisci di rapare.

BRIGH. La servo. (rapando) Certo, se no la giera ella, no se faceva sto matrimonio. (con ironia)

OTT. Che matrimonio?

BRIGH. Eh niente, lustrissimo! Rido de una certa espression de Corallina.

OTT. Che cosa ha detto?

BRIGH. Eh, l'è una donna; non occorre badarghe. (rapando)

OTT. Ma dimmi, che cosa ha detto?

BRIGH. Ghe dirò. La pretende che la so padrona ghe voggia ben, e che la fazza tutto a so modo. E cussì, circa al matrimonio che i ha stabilido tra la signora contessina e 'l sior marchese Florindo, la dis Corallina: se non era io, la padrona non lo faceva. Digo mi: bastava che foss contento el padron; lu l'è quel che comanda. Certo, la dis: la mia padrona comanda, il vostro padrone è un ravano. Maledetta! ( a rapare)

OTT. Con costei è un pezzo che io ce l'ho. Averà finito.

BRIGH. La m'ha po onorà de titoli propri...

OTT. Ecco mio nipote. Vattene.

BRIGH. Bastelo, lustrissimo, sto tabacco?

OTT. Sì.

BRIGH. Vorla che lo bagna?

OTT. Bagnalo.

BRIGH. Me raccomando, lustrissimo...

OTT. Vattene.

BRIGH. (Oh, questo el gh'ha poche parole, e assae fatti! L'ho chiappà in bona luna). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License