Carlo Goldoni
Il padre di famiglia

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Florindo, e poi Ottavio

 

FLOR. Presto, presto, che metta via questi altri.

OTT. Ecco il sacchetto.

FLOR. Pieno?

OTT. Sì pieno, ma sapete di che? Di cenere, con dentro delle palle di ferro e del piombo. Ponetelo sul tavolino dov'era. In questa maniera può darsi che il signor Pancrazio così presto non se ne accorga, e dia la colpa a qualcun altro.

FLOR. Sì, sì, dite bene. Date qui. Ora vado a metterlo nel luogo stesso. (entra nella camera)

OTT. Prevedo che questa faccenda vuol durar poco. Ma appunto per questo bisogna che io provveda ai futuri bisogni. Già in ogni caso mi salvo con dire, non ne so nulla.

FLOR. (Serra la porta) Eccomi, pare che non sia stato mai toccato.

OTT. Ah! che ne dite? Son uomo di mente io?

FLOR. Siete bravissimo.

OTT. Orsù, andiamo a vedere se ci danno da desinare.

FLOR. Sì, e dopo voglio che andiamo a goderci un poco di questi quattrini.

OTT. Staremo allegri.

FLOR. Giuocheremo.

OTT. Anderemo da quell'amica.

FLOR. Evviva.

OTT. Fin che dura; ma se si scopre?

FLOR. Mia madre l'aggiusterà. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License