Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Pantalone e Bettina

 

PANT. (Sta dona va via e la ne lassa soli. Vardè che poco giudizio. Sta puta no la sta ben in sta casa; ghe remedierò mi). (da sé)

BETT. Xelo straco? Che el se senta.

PANT. Sì ben, fia mia, me senterò; senteve anca vu.

BETT. Sior sì; farò la mia calza.

PANT. Eh, no importa che laorè. Senteve qua, e parlè un pocheto con mi.

BETT. Se parla co la boca, e no co le man. Vogio mo dir che se pol parlar e laorar.

PANT. Brava, una puta valente: ma diseme, cara vu, voleu sempre star in casa co vostra sorela?

BETT. Oh questo po no.

PANT. Cossa mo ghaveressi intenzion de far?

BETT. Mi, sior Pantalon, no me vergogno gnente a dirghe la verità. Mi me voria maridar.

PANT. No la xe gnanca cossa da vergognarse. Megio maridada, che puta. Diseme, fia mia, ghaveu mo gnente che ve daga in tel genio?

BETT. Sior sì, ghaverave mi un caeto che no me despiase.

PANT. Cara fia, chi xelo?

BETT. Oe, mi no posso taser. El fio de missier Menego Cainelo.

PANT. Sentì, Betina, mi no ve digo che quel puto no sia da ben e de boni costumi; ma bisogna considerar che nol gh’ha mistier. A far i maridozzi se fa presto, ma po bisogna pensar a quel ch’ha da vegnir. Co no gh’è da magnar, l’amor va zoso per i calcagni33.

BETT. Pazienza! Se incontrerò mal, ghe penserò mi. I me dirà: astu volesto, magna de questo34.

PANT. Oh, quante che ho sentio a dir cussì, e po, co le s’ha visto in miseria, piene de fioi e de desgrazie, le ha maledio l’ora e el ponto che le s’ha maridao. No, fia mia, no vogio che ve precipitè. Savè che ve vogio ben, ma de cuor; non abiè tanta pressa. Chi sa, pol esser che ve capita qualche bona fortuna.

BETT. Eh, sior Pantalon, a una povereta no ghe pol capitar fortuna.

PANT. Una puta onorata pol esser sposada da chi se sia.

BETT. Xe passà el tempo che Berta filava. Me recordo che me contava la bonanema de mia , e anca de mia mare che ai so zorni se stimava più una puta da ben, che una puta rica. Che quando un pare voleva maridar un fio, el cercava una puta de casa soa, modesta e senza ambizion, e nol ghe pensava né de nobiltà, né de bezzi, perché el diseva che la mazor dota che possa portar una mugier, xe el giudizio de saver governar una casa. Ma adesso se vede tuto el contrario. Una povera puta da ben, anca che la sia bela, nissun la varda. Per maridarse ghe vol do cosse: o assae bezzi, o poca reputazion.

PANT. No, Betina, no bisogna giudicar segondo le apparenze del mazor numero. Se fa anca adesso dei matrimoni a l’antiga, ma no i se sa, perché se parla più dei mati che dei savi. Chi se marida a forza de bezzi, se compra una galìa in vita. Chi se marida senza reputazion, se acquista la berlina per sempre; e chi fa far sta sorte de matrimoni, meriterave la forca. Via, non ve vogio sentir a far sta sorte de descorsi. Sapiè che fazzo tanta stima de vu, che se no fusse avanzao in etae, Betina... sì ben, no ghaverave difficoltà de tiorve mi per mugier.

BETT. Ben, ben, la ringrazio del so bon amor. (si scosta un poco)

PANT. Coss’è? Cossa vol dir? Ve tirè da lonzi35. Aveu paura de starme arente36?

BETT. (No voria che la carità de sto vecchio deventasse pelosa). (da sé)

PANT. Orsù, parlemose schieto. Mi v’ho tiolto a proteger per carità. V’ho promesso de maridarve; v’ho promesso dusento ducati; son galantomo, ve ne darò anca tresento, ma no vogio butarli via, no vogio che ve neghè. Ve torno a dir, colona mia, che se no ve despiasesse sta etae... se no v’importasse tanto d’un zovene che ve poderia rovinar, e fessi capital d’un vecchio che ve voria tanto ben...

BETT. Ancuo xe un gran vento. Con grazia, cara ela, che vaga a serar el balcon.

PANT. (Ho inteso, no femo gnente). (da sé)

BETT. Oimei, se sta megio.

PANT. Coss’è, fia mia, el mio descorso v’ha fato vegnir fredo? Che cade, parlerne schieto; respondeme con libertà.

BETT. Co la vol che ghe parla schieto, ghe parlerò. Mi fin adesso ho lassà che el me vegna per casa, perché no m’ho mai insunià che cussì vecchio el se avesse da inamorar: da resto, ghe zuro da puta onorata, che no l’averave lassà vegnir. Se el ben che el m’ha fato, el l’ha fato per carità, el cielo ghe ne renderà merito; ma se el l’ha fato con segondo fin, ghe protesto che l’ha speso mal i so bezzi. Se i dusento ducati per maridarme la me li vol dar de bon cuor, da pare e da galantomo, aceterò la so carità: ma se el gh’avesse qualche segonda intenzion, l’aviso che mi vecchi no ghe ne vogio.

PANT. Quel che ho fato, l’ho fato volentiera e lo farò in avegnir. Sì ben, sarò mi vostro pare; ve tegnirò sempre in conto de fia. Me consolo de véderve cussì bona, cussì sincera. Me vergogno de la mia debolezza, e bisogna che pianza, no so se per causa vostra o per causa mia.

BETT. Oh via, sior Pantalon, la vaga a Rialto, che xe tardi.

PANT. Sì ben, vago via, ma tornerò. Ve contenteu che torna?

BETT. Come che l’è vegnù fin adesso, el ghe pol vegnir anca per l’avegnir.

PANT. Sì ben, careta. (le fa uno scherzo)

BETT. Animo, un poco de giudizio. Se vede ben che i vecchi i torna a deventar puteli.

PANT. No so cossa dir. Ve vogio ben, ma no ve credè miga che ve vogia ben per malizia. Ve vogio ben de cuor, e vederè quel che farò per vu. Aspeto Lelio, mio fio, da Livorno. I me scrive ch’el xe riuscio più tosto mal che ben, onde subito ch’el vien, fazzo conto de maridarlo e ritirarme in ti mi loghi, sul Teragio. Se vorè, sarè parona de tuto.

BETT. Mi no vogio tante grandezze. Me basta quel che el m’ha promesso.

PANT. Fia mia, no ve ustinè in te la vostra opinion. Ascoltè i vecchi, e sapiè che la zoventù se precipita per voler far a so muodo. Più che se vive, più s’impara. Mi che ho vivesto più de vu, ve posso insegnar. Ve prego, acetè i mi consegi, se no volè acetar el mio cuor. Sième una fia obediente, se no ve degnè de deventarme mugier. (parte)

 

 

 





p. -
33 Si dimentica, viene a noia.



34 Chi così ha voluto, così abbia. Chi è causa del suo mal, pianga se stesso.



35 V’allontanate.



36 Appresso.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License