Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. Coss’è sto strepito? Coss’è sto negozio? (osserva il caffè e i biscottini)

OTT. Chi siete voi?

ARL. Son el patron de sta casa.

OTT. Il marito forse della signora Catte?

ARL. Per servirla.

OTT. Oh caro galantuomo! Lasciate che io teneramente vi abbracci. Siete arrivato in tempo da farmi ragione. Vostra cognata con poca civiltà ricusa di bevere un caffè, ch’io mi son preso la libertà di far portare in casa vostra.

ARL. Nostra cognata ricusa de bever el caffè? Via, senza creanza, bevì quel caffè. (a Bettina)

BETT. Uh, puoco de bon! Me maravegio dei fati vostri. No vôi bever gnente.

ARL. Orsù, sta differenza l’agiustarò mi. Èla contenta? Se remettela in mi? (ad Ottavio)

OTT. Benissimo, in voi mi rimetto.

ARL. qua quel caffè, qua quei buzzolai. (al Giovine) La osserva e la considera la prudenza dell’omo. Mia cugnada no vol gnente, e quando la donna no la vol, ustinada, no la vol. Mandarli indrio sarave un affronto a vussustrissima, onde per giustar la facenda de sto caffè e de sti buzzolai, me ne servirò mi; e che sia la verità, la staga a veder e la giudichi del spirito de sto toco d’omo. (va mangiando i biscottini bagnati nel caffè)

OTT. Bravo, mi piace. (Costui mi pare a proposito per il mio bisogno). (da sé)

BETT. Postu magnar tanto tossego.

OTT. (Sarà meglio che mi vaglia di lui, che ha della autorità sopra la cognata).

ARL. (Seguita il fatto suo)

BETT. (No vedo l’ora d’andar via da sta zente). (da sé)

OTT. Amico, buon pro vi faccia. (ad Arlecchino)

ARL. Védelo? Adesso xe giustà tuto. Ghala con mia cugnada qualche altra differenzia de sta natura? (il Giovine caffettiere parte)

OTT. (Ho da parlarvi da solo a solo). (piano ad Arlecchino)

ARL. Siora cugnada, poderessi far la finezza de andar via de qua?

BETT. Mi stago qua de casa.

ARL. No la vol andar via? Femo una cossa; troveremo un altro mezzo termine per giustar anca questa. Anderemo via nu. (ad Ottavio)

OTT. Farò come volete. Andiamo pure.

BETT. (Magari a quarti, co fa la luna). (da sé)

OTT. Bettina, vi saluto.

BETT. Strissima. (con sprezzatura)

OTT. Siete pur vezzosa.

BETT. (El xe pur mato). (da sé)

OTT. Eppure vi voglio bene.

BETT. (E pur no lo posso veder). (da sé)

OTT. Spero che un giorno vi moverete a pietà.

BETT. (Spero che un zorno i lo ligherà a l’ospeal). (da sé)

OTT. Amico, andiamo.

ARL. La vaga, che la perseguito.

OTT. Bettina, vi lascio il core. (parte)

BETT. Magari ch’el lassasse anca la coraela.

ARL. Vardè se sì mata! Recusar el caffè, recusar i regali. Una povera puta recusar le finezze d’un cavalier! Eh, cugnada cara, se farè cussì, farè la muffa. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License