Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Bettina e Pasqualino

 

PASQUAL. Vostra sorela la me par una bela dreta72.

BETT. No la xe storta certo, vedè. Ma via, via; curte le azze73. Andè a far i fati vostri.

PASQUAL. Tiolè; anca adesso me mandè via?

BETT. No se salo?

PASQUAL. No v’ogio el segno?

BETT. E per questo?

PASQUAL. Posso star co la mia novizza.

BETT. Sior sì, se no fussimo soli, se ghe fusse mia sorela, ghe poderessi star.

PASQUAL. Mi no me par che sta cossa nissun la usa?

BETT. Sior sì, che i la usa. Anzi ho sentio dir che le pute se varda più co le xe promesse, che avanti; perché co le xe novizze, i novizzi co la cossa de dir l’ha da esser mia mugier, i se tol de le libertà che no sta ben. Me recordo mia mare, povereta, che la me lo diseva: senti, se ti te maridi, no vogio brui longhi74; no vogio deventar mata a farte la guardia.

PASQUAL. Donca domatina se sposeremo.

BETT. Farò quel che volè.

PASQUAL. Me lo disè co la boca streta.

BETT. Certo che a farlo cussì, no gh’ho tropo alegrezza de cuor.

PASQUAL. Ghe vol pazenzia; almanco saremo sposai.

BETT. E po?

PASQUAL. E po... No so cossa dir.

 

 

 





p. -
72 Accorta.



73 Sbrighiamola.



74 Lungagnole, indugi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License