Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Il marchese Ottavio dalla porta del teatro con i quattro uomini, e detti.

 

OTT. Ecco mia moglie con Bettina. Amici, state pronti se vi è bisogno. (agli uomini)

BETT. Oh povereta mi! Chi è ste maschere?

BEAT. Non vi muovete.

OTT. (Prende con forza per mano la Marchesa, credendola Bettina, e dice ) Vi ho finalmente trovato. Ora non mi fuggirete più dalle mani. E voi, signora maschera, (a Bettina, credendola la Marchesa) se non avrete giudizio, averete a far meco. Pasqualino che fate qui?

PASQUAL. Giera... cussì... andava a la comedia. (confuso)

OTT. Date braccio alla marchesa, e accompagnatela a casa. Giuro al cielo, me la pagherete. (a Bettina non conosciuta) Venite, anima mia, andiamo a felicitare il nostro cuore. (parte colla Marchesa e cogli uomini)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License