Carlo Goldoni
Gli amori di Zelinda e Lindoro

ATTO TERZO

Scena Nona. Lindoro, poi Zelinda

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Lindoro, poi Zelinda

 

LIN. Misero me! non so in che mondo mi sia. Come mai potrò vivere da lei lontano? Numi, assistetemi per pietà. (s'appoggia ad una scena per afflizione)

ZEL. (affannata) Ah Lindoro, Lindoro.

LIN. (con forza) Che ci è, mia vita? Siete voi cangiata di sentimento?

ZEL. Ho veduto Don Flaminio da quella parte, mi ha scoperta. Tremo, pavento, vorrei nascondermi, e non so dove.

LIN. , , non temete.

ZEL. , nel Corpo di guardia?

LIN. No, diavolo, fra i soldati; colà fra quegli alberi dietro di quella catasta di legna. Se ardirà seguirvi avrà che far con me.

ZEL. Non vi esponete, per amor del cielo...

LIN. Non temete di nulla; eccolo, eccolo, andate.

ZEL. Quando mai finirò di tremare? (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License