Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Arlecchino con un nerbo, e detti.

 

ARL. (Fa una riverenza alla Governatrice, poi presenta il nerbo a Brighella, senza parlare)

BRIGH. Cossoio da far de sto nervo?

ARL. Bastonarme mi.

LUIG. Sa il suo merito, quel briccone.

BRIGH. Bastonarve? Perché?

ARL. Perché ho dito una baronada. Ho paragonà la padrona a una rosa fiappa e pelada. El paragon no va ben. Le rose, anca fiappe, le sa da bon; le donne, anca fresche, le manda cattivo odor. (parte)

LUIG. Ah, non posso più tollerarlo.

BRIGH. No la vada in collera. La sa che l’è un buffon.

LUIG. Costui vuol esser la rovina di questa nostra famiglia.

BRIGH. Eh, Eccellenza, nol vol esser lu la rovina de sta Corte, ma un altro.

LUIG. E chi dunque?

BRIGH. Se no gh’avesse paura de precipitarme, lo diria volentiera.

LUIG. Parla, e non temere.

BRIGH. Son servitor antigo de casa; e succeda quel che sa succeder, no posso taser, e no devo taser. Per i mi patroni son pronto a sagrificar anca el sangue. La persona che tende alla rovina de sta fameia, l’è el sior don Sigismondo.

LUIG. Come! Un uomo di quella sorte? Un uomo che fa tanto per noi? Così umile, così rispettoso, così interessato per i nostri vantaggi?

BRIGH. L’è un adulator, l’è un omo finto; so mi quel che digo.

LUIG. Va via sei una mala lingua.

BRIGH. Col tempo e la paia se madura le nespole. Pol esser che un zorno la se recorda de ste mie parole.

LUIG. Sai cosa ha di male don Sigismondo? È un uomo economo. Suggerisce qualche volta le buone regole, e voi altri servitori non lo potete vedere.

BRIGH. El suggerisce l’economia per i altri, per ingrassarse lu solo. L’è do mesi che no tiremo salario, né cibarie, e me vien dito che sto sior economo abbia avudo l’ordene de pagarne.

LUIG. Orsù, basta così. Da un altro servitore non avrei sofferto tanto.

BRIGH. Son trent’anni che servo in sta casa, e me recordo quando el padron ha sposà Vostra Eccellenza vintanni fa...

LUIG. Vent’anni sono? Pezzo d’asino, dov’hai la testa?

BRIGH. Mo quanto sarà, Eccellenza?

LUIG. Undici, anni al più.

BRIGH. Se l’illustrissima siora Isabella la ghe n’ha disdotto!

LUIG. Sei una bestia: non è vero.

BRIGH. Se l’ha lattada mia muier!

LUIG. Animo, basta così.

BRIGH. La perdoni... (Ecco qua: chi vol aver fortuna bisogna adular. Se anca mi la savesse burlar, saria el so caro Brighella). (da sé, parte)

LUIG. Già questi servitori antichi di casa vogliono sempre sapere più dei padroni.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License