Carlo Goldoni
Le avventure della villeggiatura

ATTO PRIMO

Scena Seconda. Paolino, Tita, Beltrame

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Paolino, Tita, Beltrame

 

PAOLINO: Domani mattina, alla stessa ora, vi aspetto a favorire da me.

TITA: Bene, e un'altra mattina favorirete da me.

PAOLINO: Il vostro padrone è in campagna? (A Tita.)

TITA: Il mio padrone è a Livorno, e la padrona sta qui a godersela. Il marito fatica in città a lavorare, e la moglie in campagna a spendere e a divertirsi.

PAOLINO: Sì, certo, la signora Costanza fa qui la sua gran figura. Chi non la conoscesse, non direbbe mai che è moglie d'un bottegaio.

BELTRAME: Capperi, se fa figura! La chiamano per soprannome la governatrice di Montenero.

PAOLINO: E chi è quella giovane che in quest'anno è venuta a villeggiare con lei?

TITA: È una sua nipote, povera, miserabile, che non ha niente al mondo. Tutto quello che ha in dosso, glielo ha prestato la mia padrona.

PAOLINO: E perché aggravar suo marito di quest'altra spesa? Perché far venire in campagna una nipote, col peso di doverla vestire?

TITA: Vi dirò, ci è il suo perché. La signora Costanza, la mia padrona, è ancora giovane, è vero; ma in oggi a Montenero ci sono delle giovani più di lei. E dove vi è la gioventù, vi è il gran mondo; ed ella, per non esser di meno, si è provveduta di una nipote di sedici anni.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License