Carlo Goldoni
L'avventuriere onorato

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Camera in casa di donna Livia.

Donna Livia, poi il paggio.

 

LIV. Chi pretende violentar il mio cuore, s’inganna. Io non ho ricchezza maggiore della mia libertà, e mi crederei miserabile nell’abbondanza, se non potessi disporre di me medesima. Guglielmo sempre più m’incatena, e se assicurar mi potessi de’ suoi natali, non esiterei a sposarlo in faccia di tutto il mondo, e a dispetto di tutti quelli che aspirano alle mie nozze.

PAGG. Signora, è qui il signor maestro.

LIV. Chi?

PAGG. Il signor maestro. Quello che mi ha favorito, con riverenza, de’ cavalli.

LlV. Non lo chiamare mai più con questo nome. Egli è il signor Guglielmo. Fa che passi.

PAGG. (Ancora, quando lo vedo, mi fa tremare). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License