Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA   Zanetto e detti, poi Riosa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Zanetto e detti, poi Riosa

 

ZAN. (Senza volto, e colla bautta sotto la gola, correndo innanzi, dice) Vedendo che le s'ha desmentegà de un so umilissimo servitor, me son tolto la libertà de rassegnarghe el mio gran rispetto, e de supplicarle della so devotissima tolleranza.

TON. e GASP. (Si guardano l'uno e l'altro, e non ponno far a meno di ridere)

LISS. Lassèlo andar via, se ve basta l'ànemo. (a Gasparo)

ZAN. Se le me permette...

RIO. Siora Cattina. (chiamandola)

CATT. Me chiameli? (a Riosa, alzandosi con ansietà)

RIO. I la chiama in tinello. (parte)

CATT. Vegno, vegno; co so bona grazia. (a Tonina, correndo)

ZAN. Dove vala? Dove vala? (a Cattina, andandole dietro)

CATT. Cossa vorlo saver? Che el me lassa star. (Oh co i me chiama, xe bon segno). (da sé, parte)

ZAN. Se le me permette, me cavo zo. (si cava il tabarro e la bautta, si guarda l'abito, e si pavoneggia)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License