Carlo Goldoni
Amor contadino

ATTO TERZO

SCENA QUARTA   Clorideo ed Erminia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Clorideo ed Erminia

 

ERM.

Deh, placati una volta.

CLOR.

Erminia, oh Dio!

No, crudel non son io qual tu mi credi.

Il caso mio tu vedi:

Compatisci d'amor legge severa.

Amami, se lo vuoi, ma soffri e spera.

 

No, non è spenta in seno

Fiamma d'antico amor.

Ah, ch'io la sento ancor!

Parmi però che il foco

Calmisi a poco a poco.

Se in libertade io sono,

Tutto ti dono - il cor. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License