Carlo Goldoni
La burla retrocessa nel contraccambio

ATTO TERZO

SCENA SECONDA   Garzone del caffè con cinque tazze e cogoma. Tutti si alzano per bevere il caffè di qua della tavola. Chi vuole, può prendere una sedia, e sedere. Il Garzone dà a tutti la sua chicchera; versa il caffè, prendono lo zucchero. Tutti bevono il caffè.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Garzone del caffè con cinque tazze e cogoma. Tutti si alzano per bevere il caffè di qua della tavola. Chi vuole, può prendere una sedia, e sedere. Il Garzone a tutti la sua chicchera; versa il caffè, prendono lo zucchero. Tutti bevono il caffè.

 

PAND. (Bevendo il caffè) Ma io vi torno a dire, signor Agapito, che sono inquietissimo per conto di Gottardo e di Placida. Se non volete mandar nessuno, ci anderò io. Mi avete detto che sono...

AGAP. Aspetti un momento, che finisca di prendere il mio caffè, e anderò io un'altra volta a vedere cos'è di loro, e subito sarò qui di ritorno colla risposta. (bevendo)

ROB. (Questo è il giorno che decide della mia vera felicità). (piano a Costanza)

COST. (S'ella da me dipende, ne siete certo). (piano a Roberto)

AGAP. (Come va, signor Roberto?) (piano a Roberto)

ROB. (Benissimo, che non può andar meglio). (piano ad Agapito)

PAND. E così, signor Agapito?

AGAP. Vado subito. Con permissione di lor signori. Animo, figliuoli, sparecchiate la tavola: mettete tutto dove vi ho detto, ed aspettatemi, che mangerete anche voi. (ai Servitori)

GARZ. Signor Agapito, siete voi che paga il caffè, o lo pagherà il signor Gottardo?

AGAP. Lo pagherà il signor Gottardo. (parte)

GARZ. (Riprende le sue tazze, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License