Carlo Goldoni
La burla retrocessa nel contraccambio

ATTO QUINTO

SCENA SETTIMA   Gottardo, poi Leandro

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Gottardo, poi Leandro

 

GOTT. Faccia quel che diavolo vuole. Mi dispiace che va a pericolo di disturbare la cena. E se non si fa la cena, perdo la metà del gusto che mi ho preparato.

LEAN. Si può entrare?

GOTT. Favorisca.

LEAN. Sono molto obbligato alla bontà che avete per me. Ho ricevuto un vostro biglietto...

GOTT. Sì signore. Ma mi ha favorito a pranzo. Non ho potuto godere la sua compagnia, e mi sono procurato un tal onore questa sera.

LEAN. Voi mi obbligate infinitamente.

GOTT. Andiamo a trovare la compagnia... Ma vengono qui: aspettiamoli.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License