Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
scazzotta 2
scazzotteno 1
sccazzo 1
sce 492
sceca 3
scèca 1
scecaggna 1
Frequenza    [«  »]
525 sse
514 della
495 fa
492 sce
483 al
474 medemo
458 mi
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText - Concordanze

sce

    Sonetto
1 2 | si ppoi ggnente ggnente sce volemo~particce come la 2 12 | viení dda bbon fratello~te sce porto cor fedigo3 e ’r pormone;~ 3 12 | uscello.~ ~Perché si ccaso4 sce vôi er bruttone,5~do 4 34 | arifiata?14 E ttu arza:15 sce tanto?~~~~~~Giochetto~~~~ 5 45 | lippe-lappe.5~ ~Ma dde culo la mia sce n’ha dda venne;6~je scrocchieno7 6 49 | sciangherangà,17 bz,18 bbona notte:~sce fioccheno19 li guai co la 7 50 | venardí Ttuta Bber-pelo7a~sce s’abbusca8 ’na frega9 de 8 57 | quarcantro porcaccio da ua5~te sce fascessi6 un po’ de predicotto,~ 9 59 | ccasca casca: si cce sei sce sei.12~Alegria! chi sse13 10 61 | dde la corte.~ ~Si ppoi sce cusci5 er zonetto latino~ 11 66 | un ber 1 cc’a sto Monno sce 2 ssorte~si nun l’hanno 12 66 | ggrattà er culo6 a sti saputi,~sce schiaffi in cammio7 «S’Iddio-vô-e-la-corte».8~ ~ 13 68 | bbene~che sta fine medema sce sta scritta~pe mmillantri4 14 75 | intreccio:~a mmezza vita sce sugate er mèle,~e ppiú ssú 15 86 | si cche ggrazzia de ddio sce tiè anniscosta.~Sangue d’ 16 91 | zor-Don-Dezzio-co-le-mela!~Ste strade sce l’avete ariserciate…2~Ah, 17 92 | un terno,~quante ggente sce campeno a lo scrocco:~cose, 18 93 | amara.~Compare mio, Dio sce la manni1 bbona.~ ~Comincerà 19 95 | ddrento d’un pozzo.~Uno sce curze3 all’orlo cor barbozzo,4~ 20 97 | agguantajje er palandrano,8~sce fascevi appizzà9 Ggiuseppebbreo.~ ~ 21 97 | appizzà9 Ggiuseppebbreo.~ ~Io sce vorrebbe10 franca10a ’na 22 111 | eh a sta robba co tté mme sce la stiggno:1~~ eppuro, quanno 23 116 | vvertecchio4 s’aridusce,~si ppoi sce levi quarche imbrojjo attorno?~ 24 124 | Dimani, s’er Ziggnore sce vvita,~vederemo spuntà 25 124 | inverno semo fora.2~ ~Armanco sce potemo arzà a bbonora,~ 26 125 | vàtte a rriposa;~ma ppe nnoi sce ttesta talentosa~pe rregge 27 130 | fo vvedé ch’entrà ttutti sce ponno,~portannoje a ccapí 28 132 | ttra ttantantri guai,~me sce mancava adesso er tiritosto2~ 29 141 | Pare che ttutto, cuanno sce io,~s’abbi da sfotte2 30 150 | bbruscoletti,4~che jer l’antro sce diede li confetti~pe avé 31 154 | mmé~si2 er bariscello3 me sce acchiappà?!~Prima, cristo!, 32 158 | Ma inziememente ancora sce scommetto,~si ppassa da 33 161 | vedello incescito,5 anzi sce godo;~ ~ llui zappa sta 34 163 | Ce fa la gonza,4 e mme sce tiè a lo scuro,~come vienissi 35 172 | cordojjo:~ma lloche je sce messeno uno scojjo,~ché 36 173 | Padron Vitale,~’Ggnazzio, sce troverai sette stanzioni,~ 37 186 | che ffesce Salamone?~Io sce voría vedé l’Abbate Sacco,2~ 38 201 | peperoni e oliva.~ ~Come sce pôi ggiucà, tisico nato,~ 39 207 | avuta tanta,~che ssur collo sce porto la risega.6~Ma adesso 40 221 | Romana~che dda l’incennio sce sarvò sta ggioja,~epperò 41 224 | lavanna».2~«Che ddiavolo sce fai?» «Pe ddà l’odore».~« 42 232 | pe le rime.~Ma che ggusto sce trovi a ste biastime?~Hai 43 232 | lassa stà le scime.2~ ~Poi, sce ttante bbelle parolacce!~ 44 238 | maggnera che in ner fonno~sce s’arivede er Monno arivortato.~ ~ 45 238 | ppoi sc’è un buscio indove sce se mette~un moccolo sull’ 46 239 | sfila!1~~ Per viaggià ssolo sce ne 2 ttremila!~Pellaria 47 247 | Profeta de le gabbole1~ ~Voi sce gonfiate2 da ’na man de3 48 252 | una ggirella~dove prima sce daveno2 la corda.~ ~Sto 49 253 | Vedi che bber zervizzio sce fasceva2~quer cornuto d’ 50 254 | s’ariarza,~e tutt’e ddua sce ponno attaccà er voto.~ ~ 51 254 | che o de riffe o de raffe sce li sbarza.~ ~Roma, 21 novembre 52 256 | Jeri per la ppiú ccorta io sce annata~incirca ar tocco 53 259 | ggallinaccio:~su sta mmerda sce4a do ssempre er gruggnaccio:5 ~ 54 262 | bburrino~quanno a le mano sce tienevi er callo~e mmaggnavi 55 263 | sfraggella.~Sin che in ner mare sce sta er pessce grosso,~er 56 263 | tte caca addosso.~ ~Prima sce bbuggiarava er zor Pietruccio:1~~ 57 265 | tutto scritto,~che le ggente sce fanno a ggommitate.~ ~Bisoggna 58 279 | D’allora stantra ssedia2 sce fu mmessa~pe ttastà ssotto 59 288 | che ssi4 la metti ar lume sce se specchia4a~come fussi4b 60 288 | sarvereggina,~e, in zanta pasce, sce n’annamo a letto.~ ~28 novembre 61 291 | Curato.~ ~E ppoi ridenno me sce disse jjeri,~ch’er zomaro 62 295 | sotto mezzacanna.~Ma ssi jje sce dài guai, lei te lo nega,~ 63 297 | d’affogacce un Re,~e me sce disse poi che ddiggiunò?!~ ~ 64 300 | la bbiocca,3~ché a nnoi sce tocca a rrispettà, cce tocca,~ 65 316 | Commare,~in cuella tar nottata sce fu bbujja?7~Annassivo d’ 66 342 | c’a volelle~ ttutte sce voría de stenne un fojjo~ 67 353 | luscerna bbutta».~ ~Tra ttutto sce4 poté ccurre er divario~ 68 364 | la scimosa?5~ ~Dite, je sce chiedevio6 cuarche ccosa~ 69 368 | poi de le corone,~cuanno sce le medajje d’argento~ 70 413 | accusí ffurbi movi,~c’a nnoi sce succhi com’e rrossi d’ovi,~ 71 418 | Méttet’a ssede». Io me sce metto.~Lui cor un zenno4 72 429 | cuanno, incartato er lardo, sce pilotta1~~ l’abbacchio,2 73 446 | Io che ccucchiere sei me sce6 strasecolo;~e mme fa spesce 74 448 | monzú, co la miseria.~Cosa sce s’ha dda ? ttrist’a cchi 75 448 | ccosa seria.~Llí cce piove, sce grandina e cce fiocca,~come 76 449 | cane~a ppietà! eh armeno4 sce se movi lei,5~me facci prenne6 77 454 | aricconta che un’anno uno sce vorze2~passà una notte pe 78 458 | e ssentirai si cquante sce state~che jj’è entrato 79 458 | capelli e un par de spille,~te sce schiaffa,10 si vvò, ppuro 80 460 | L’Angeli all’Imbo vôto sce metterno4~l’anime de la 81 461 | agosto!4~Tu mmó a sto ggioco sce fai tanto er tosto,5~e nu 82 463 | puttanella:~ma pe cqueste sce ffette de-rape.6~ ~Tratanto, 83 463 | ssibbè6a cche un po’ ccommido sce cape,~Titta, da’ ggrolia7 84 465 | sto fusto3~si cche ccarne sce sta sotto la pelle.~ ~Nerbi-grazzia, 85 467 | ciavémo attorno, e Iddio come sce sona.~ ~Ma in capar monno 86 467 | sona.~ ~Ma in capar monno sce ne dde cuelli~co un ciarvello, 87 472 | mignottaccia mia bbella, io te sce corco.4~ ~Cuesto, Dio sant’ 88 476 | Senza strozzo3 e cche vvôi sce s’ariscota~da sti pretacci 89 482 | M’acchiappa er zampo,7 me sce na stretta,~poi curre 90 486 | peccato,~ogni-cuarvorta7 sce se fa stacquisto,~ch’è 91 495 | regno che sta llà,~dove sce regna er Re che ddichi tu.~ ~ 92 495 | de llaggiú~de portogalli sce ne a ccrepà».3~ ~Roma, 93 503 | m’invidià:~ma ssai cuanto sce curre1 da e tté?~Tu sservi 94 503 | ddio sa~si cquanti incerti sce se possi avé!~ ~E io sto 95 517 | Duncue, cuanno la sera a nnoi sce4 tocca~sentí li fijji a 96 520 | core... più in petto... sce sia...~Ah Ddio mio caro!... 97 531 | c’ha la bbocca uperta,~je sce metto una mano, e nu la 98 532 | bbrasciola;~ ~c’adesso me sce fai la bbannarola~che ss’ 99 532 | cchi ppiú tte prega.~Senti, sce creperò: puro4 te pianto.~ ~ 100 539 | pperò stantri musi oggi sce trovi,~ ~Nun c’è mmejjo 101 540 | all’ostariana purcia3 sce s’acciacca,~cqua ddiventa 102 549 | gatto mio bbello, io te sce levo er vizzio.~ ~Roma, 103 565 | penzino sti sscioti4~ch’io sce tienghi la mmerda in de 104 569 | ta Maria madre Ddei... me sce fai l’eco?...~Ora pre nobbi... 105 569 | sciappotto3 laggiú ccome sce venne?~Andiamo: indove stavo?... 106 575 | de la parte mia~sortanto sce contai sette pidocchi.~ ~ 107 580 | cosa! se discure ch’io~me sce storto er collo pe vvedella!~ ~ 108 580 | vonno di Gabbella!~ ~Eppoi sce le lettre zifferate3 ~ 109 582 | sta testa che ddich’io sce ll’hanno tutti.~ ~Duncue, 110 583 | Io nun zo in cuar paese sce se possi~ ppiú bbelli 111 584 | sseguitassi! Antre campane~sce vonno, sor Mattia, pe cquer 112 584 | in corpo quer tortore4~me sce fesce strillà Ggesummaria!~ ~ 113 587 | ce sputò ssopra, e mme sce fesce un sguazzo.~ ~Roma, 114 594 | adesso no,~(ma sta notte sce vojjo un po’ pprovà)».~ ~ 115 596 | fascirmente incanalato,5~tu tte sce vòi inummidí er palato~sin 116 596 | una tira l’antra, e tte sce lodo:~che ssempr’è bbene 117 598 | vecchio:~cqua dde curiali sce ne sseimila;~e li pòi 118 612 | fornaro,~che ssottar corvo sce credessi er diavolo:~ ~e 119 634 | llograta:~ma cquanti passi me sce fussi fatto~nun c’era da 120 636 | cquello che vvòi tu, ppuro sce piaggni?~ ~Mo cche cquer 121 636 | catapezzo2 te guadaggni,~me sce fai la Madonna addolorata!~ 122 638 | er zerrajjo.~Duserpenti sce ppieni de squamme~che 123 639 | a ttavola oggni ggiorno sce se mette~venti fujjette1 124 644 | ssi nun è che cquarcuno sce maggna,~nun te pare, per 125 645 | grolia3 tua, fratello,~te sce vorebbe la carrozza a mmolle~ 126 653 | muti colore;~ma antro culo sce ppe un cardinale.~ ~E 127 657 | co la posta de noi propio sce ssciupa.6~ ~Perch’è ppassato 128 662 | Accademia mia, nun zarippezza.6~Sce annà Bbrega de Piazza 129 665 | ttutto sto sono de campane1~~ sce s’aveva d’annà ppuro in 130 684 | ddoppio le campane.2~Er Papa sce vorría tutti contenti,~ma 131 690 | che mmó a lo sgarro10 sce s’accressce er tappo?!~Per 132 691 | Ma ggià, cchi ne la panza sce tiè er fele,~nun ce vonn’ 133 704 | Curato~com’e cquarmente sce ttante e ttanti~che ffotteno 134 708 | ch’entranno ar governo~sce2 voleva arricchí ttutt’in 135 720 | pijja per un gonzo2~cuanno sce3 appettà ppe pprimo bballo~ 136 728 | Cuante mai riliggione sce 1 state~da cche mmonno 137 728 | ccredemo ar Papa, e ’r Papa poi~sce7 spiega tutto chiaro in 138 730 | cce ito tante vorte:~sce11 se va mmejjo assai ch’ 139 733 | mmaschera, e cco stuso~sce4 fasceva stà bboni e avé 140 736 | cche la paggnotta ar forno~sce la danno ppiú ppiccola oggiggiorno~ 141 741 | asino mio!1 In oggni cosa~ve sce ficcate voi pe Ccacco immezzo.2~ 142 741 | immezzo.2~In ogni freggna3 sce mettete un pezzo~der vostro, 143 741 | ffatt’Io, l’ho vvist’Io, sce annat’Io...».~pe ttutto 144 747 | der coccialone,11 che jje sce venne appresso er perucchino?~ ~ 145 751 | llo scallaletto;~e llui sce partí5 allora: «Eh, ssi6 146 755 | da li sette tabbernacoli~sce2 manna3 tanti santi che 147 755 | Presempio,4 a Mmonte-farco sce se vede~un miracolo solo 148 765 | fuffarolo.~ ~Ma ddavero sce tienghi senza testa,~pe 149 771 | tutto?~Nu lo vedi c’a nnoi sce3 piove addosso,~e sti servi 150 772 | piedi com’un fosso,~cuanno sce3 danno in gola cor palosso4~ 151 776 | mese, corre~un anno, dua, sce5 vado, sciaritorno…6~Ah,7 152 777 | ddato a lo spasseggio9~me sce10 l’ha mmesso drento pe 153 779 | er Guercio e li duosti~sce l’annassimo a ggode3 jerassera~ 154 781 | E pper urtimo, Iddio sce8 bbenedica,~viè la Morte, 155 782 | ziconno~l’acqua in celo sce sta tra ppelle e ppelle.~ ~ 156 785 | e cche jje lava,~lui je sce fa lo stufo e la strapazza:~ 157 787 | tturchi, e mmanichei,10~sce11 curreva inzinenta la pianara.12~ ~ 158 792 | schertri10 e li mortacci loro~sce vorríano11 a l’usanza de 159 794 | E ssi ssò3 ggrasso, sce4 n’ho ccorpa5 io?~Potevio6 160 794 | de tramezzi, che un omo sce s’attappa~come fossi er 161 795 | mi’ cojjoni,~ch’er zecco sce se sguazza li carzoni,~e ’ 162 804 | Cristofeno mio co sta famijja~sce fasceva una vorta colazzione,~ 163 814 | A ste cojjonerie manco sce7 penza.~ ~Roma, 22 gennaio 164 816 | a ppesce de frittura,~sce17 bbutteno a la mucchia 165 818 | cuer Mastr’Aggnello~dove sce crompo1 sempre le bbollette,~ 166 819 | averíano1 d’avé li cardinali2~sce3 sta ddipinta la Ggiustizzia 167 824 | ddrento Roma antro che io3 sce ll’ho.~ ~Puzza?! oh Ggesú! 168 829 | val de Ggiosaffatte,~dove sce ponno entrà cquanti che 169 834 | vischio a ttutte l’ora:~sce4 fanno la cappiola scurritora5~ 170 837 | porton de sta casa de li guai~sce sta a llettre da cuppola 171 840 | Pe sta vita io nun me sce sento nato.~Nun vojjo lavorà: 172 840 | 9 mminchioni!~Le sante sce se10 gratteno la fica,~e 173 842 | cosa er cacciarolo29 canti,~sce gonfia li palloni30 a ttutti-cuanti.~ ~ 174 852 | ccollana:~e dde diademi sce9 n’ha er terzo e ’r quarto.~ ~ 175 853 | Ssan Pietro e Mmarcellino~sce2 stanno scerte Moniche bbefane,~ 176 858 | che ttarisponna?3~ ~Io sce vorebbe vede4 la Madonna~ 177 870 | mmanco li venti...~Ah! Iddio sce scampi dar calor frebbile!5~ ~ ~ 178 874 | Mascello, ecco de bbotto~sce s’infroscia4 abbrivata5 179 876 | a nnoi, pesa e rripesa,~sce3 tocca sempre de parà la 180 877 | mmorí er diavolo! Er Governo~sce ne manna1 una bbona arfinamente.2~ 181 880 | un libbro ch’io sempre me sce svario4~c’è: er zolitario 182 887 | storto!~Io da l’abbíle3 sce faría4 la bbava.~Sta in 183 887 | ttricchettracche!~ ~Io me sce sento crèpa12 da la rabbia.~« 184 890 | babbilano.13~ ~Finarmente sce li Bbonfratelli:14~ma 185 894 | la messa~co le bbuscíe10 sce ggireno le mole.~ ~Roma, 186 896 | Crosce~ ~A nnegà ttutto sce 1 un ber2 coraggio!~Si 187 896 | avella.7~ ~Pe cquesto sce 8 ccrosce in oggni tetto,~ 188 897 | una priggione,~che ttutti sce parlaveno latino.~ ~Cuer 189 897 | cuella la priggione, indove~sce fotterno4 San Pietro carcerato~ 190 897 | Carcere nove.5~ ~E llui sce fesce6 cuer pozzo affatato,7~ 191 899 | ssano un osso!~Inzomma, via, sce7 schiatterebbe un cane.~ ~ 192 901 | con cuellocchiali~voi sce2 vedete meno d’un pupazzo.~ 193 901 | e vvoi e io,~e li preti sce serreno le fesse5~da fotte 194 904 | stelle.~ ~Cento secoli sani sce metterno5~in cuer gran capitommolo 195 905 | ssi mai, che ppuro in Celo~sce stati li torbidi e le 196 919 | avocato.~«Pe rraggione, hehei! sce n’hai da venne,3~ma er giudisce, 197 923 | trovo loco:~in sta casa sce 3 ttroppi scompijji.~Cuanno 198 925 | in der petto,~de ggiorno sce 8 bbravi scardinoni~da 199 925 | porchetto;~ ~e dde notte sce llantri foconi~c’addoprava 200 929 | der zangue, sora Nina,~sce vo antro che ppírole5 de 201 935 | itajjano:~cazzo! in latineria sce ne ttanti!~ ~Roma, 28 202 936 | nnun hai da sapé. Gatta sce cova».3~ ~Poi finze de ronfà.4 203 940 | ma ccara lei,~si a Rroma sce 3 accesi tanti lumi~pe 204 949 | ’na vorta un zampietrino3 sce lo prese~in atto sconcio 205 949 | nostri ancora.~ ~Cuantuncue sce ccerti c’hanno detto~ 206 955 | pòzzo 2 che ssi3 Lleonora~sce n’ha avut’uno, io sce n’ 207 955 | Lleonora~sce n’ha avut’uno, io sce n’ho avuti sei.~ ~E ssi( 208 958 | aveva?~ ~Che tte ne pare? Sce saría pericolo~c’a ddipiggne 209 962 | fussi entrato all’osteria.~ ~Sce fesce la cascata de Fetonte,~ 210 966 | La mi’ padrona (e mmica sce prosume)1~~ frabbica scerti 211 971 | vacchetta e vvernisce! E llei sce ruzza3~a scramà4 che la 212 988 | drento in zepportura~me sce mettino bbello arissettato.~ ~ 213 996 | sa l’Urion8 de Monti s’io sce tiro,9~e lo ddí cco ttutta 214 1017| che ttanto a ccasa tua lui sce li caccia.~Dua uperti 215 1023| co ccerti casi io nun me sce confonno;~e nun me fanno 216 1031| io ve l’avviso.~Ancòra sce 1 ssanti in paradiso~che 217 1032| stanno freschi;~e in Itajja sce 9 bboni Todeschi.~ ~27 218 1036| la su’ concia ariverita,~sce12 s’empí de pulenta13 e 219 1037| robba auffa,6~ma cquanno te sce scappa la paggnotta7~da’ 220 1037| ttroppo er fonno de bbottega~sce s’arimette13 poi nicch’e 221 1051| ícchese in perzona.3~ ~Cosa sce trovi d’arimane statico4~ 222 1065| cquell’argheno8 de bbocca~sce9 tirava su er core co li 223 1067| guai chi jje lo tocca?~Io sce scommetteria4 ch’è una bbicocca,5~ 224 1067| che a vvedella cantà llei sce s’ammusa?!12~ ~23 gennaio 225 1078| fra cquanti Ggesucristi sce 6 a Rroma,~chi ppòzzi7 226 1079| e a Rroma, grazziaddio, sce n’è uno sguazzo9~da ingravidà 227 1083| e ppiasce;~e ar Governo sce penzi chi è ccapasce,~perch’ 228 1091| Enea,6 siggnor Giuvanni.~Me sce sbattezzata7 pe ttant’ 229 1091| ppresto una furtuna14 scerta,~sce se metti15 una nosce-a-ttre-ccantoni.16~ ~ 230 1092| Ar Monno~tante3 teste sce ttanti scervelli.~E gguai 231 1094| in certa priscissione1~~ sce successe un tantin d’ammazzamento,2~ 232 1103| fumantino2 ammazzasette:~lui sce faría scappà3 ssubbito er 233 1103| sissiggnora.9 E cche cconforto~sce trovi a rruminà ttante vvennette?10~ ~ 234 1118| li letti co mmiNonno,~sce lassava10 una scímiscia 235 1119| Bbrutto seggnale!~ché ppe nnoi sce vorebbe armén’arméno~rivienissi8 236 1120| fratello.~ ~Ner caso nostro sce voría8 un zonetto~a uso 237 1121| a mmercato, ggente mie,~sce siino ferravecchi e scatolari,~ 238 1127| a bbommercato.~~~Eppuro6 sce s’è ttrovo7 llí un zomaro~ 239 1129| disse in faccia?~Pe li porri sce 14 la seta cremis».15~ ~ 240 1133| , cristo!, c’ancora~me sce sento er groppone indormentito.~ ~ 241 1136| mma ccome!~drentar monno sce ddunque duRome?!~Oh 242 1137| li su’ rospi, in chiesa~sce se trovava un povero cristiano~ 243 1139| ppe ttristo,12~si ppurcini sce 13 ddrent’a stantr14 244 1143| straccio pavonazzo~che jje sce fate a nnisconnarello?~ ~ 245 1154| ssi3 vvolete, un gusto sce se4 prova;~e, cquanno nun 246 1155| tutti-quanti: «A ccasa mia~sce se fa ggran bellissime funzione».~ ~ 247 1157| Musoleo d’Ugusto2 de Corea3~sce se4 fanno fochetti tanti 248 1171| cche ddiavolo, cristo!, sce s’impara~da ’na radisce, 249 1174| cquelle~che cqui a Rripetta3 sce se4 mette l’ojjo.5~ ~Me 250 1174| quarche nnuvolo se tocca,~sce se fanno cqua e llà ttanti 251 1185| vemmaria~pe ddormí, a Rroma, sce bboni ospizzi.6~ ~Jeri 252 1193| in d’una strada, indove sce se fa~cquarche gran scavo 253 1208| è cquellassassino.~ ~Je sce discevo: «Monziggnore mio,~ 254 1226| ssai si5 ppe ccontratti sce 6 ometti~da mettappetto7 255 1235| La Scittà eterna~ ~Gusto sce l’averebbe io,1 sor Topaj,2~ 256 1236| dell’Arco-de-Pantani~te sce ponno stampà una libbraria».~ ~« 257 1237| che ll’Argògoli2 c’oggi3 sce 4 stati~a esartà5 Rroma 258 1244| Ppropaganna1~~ che llui sempre sce2 nomina er Padriarca.~ ~« 259 1246| male?!~Cqua ppe sti ggiri5 sce 6 le su’ scale~come da 260 1251| ccondanna a mmorte.~ ~Da Diacono sce fesce Don Ortica,~quello 261 1258| se la prese pe ssé quanta sce n’era~pe ffàsse8 a bbommercato 262 1264| de sta Regola de sscioti6~sce se7 dovessi8 cressce9 una 263 1268| storte.~ ~E cco le vite sce se ggiuca9 a ppalla,~come 264 1270| vvederai che de romani nati~sce ne 1 ppochi, o nnun ce 265 1271| tte ggela;~e cqui a Rroma sce sto pperché oggni raggno~ 266 1271| ppaesaccio!~ ~Che ccorpa3 sce n’ha Rroma poverella~si 267 1284| ssi2 in oggi a nnoi pecore sce3 tosa,~è sseggno c’ha bbisoggno 268 1288| cquello strumento Su’ Eminenza~sce7 regola l’ingergo8 a le 269 1289| rriscòde5 ar Monte,~e nnemmanco sce trovi l’acqua-santa!~Cosa, 270 1291| doppo avello bbenedetto,~sce se deggnò cche jje bbasciassi10 271 1293| Gioconno,~o a nnoantri1 sce tiè2 ppe ttanti micchi.3~ 272 1293| Vescovo in pallone.~ ~Lui sce lo mannerebbe a spass’a 273 1300| Alegri. Alegri un cazzo!~Sce ne fregamo assai de stalegria.~ ~ 274 1304| dolore.~ ~Io a sta vita sce 4 ttanto avvezzo,~c’oggni 275 1306| confesso da cristiano,~nun zolo sce4 guadaggno, ma ssaccheggio:~ 276 1308| inquieti:~cqua in chiesa sua sce 1 ttroppe funzione;~e 277 1308| ssortanto pe sbatte2 li tappeti~sce voríeno3 dubbraccia da 278 1316| pe bbeve5 un mezzo6 ve sce 7 un lustrino.8~Pe un 279 1337| fanno.4~ ~Cardinali, capisco sce5 ne stanno,~ma a rrimpiazzà 280 1343| arimettesse6 er fiato in bocca~sce spartiría7 d’accordo e de 281 1347| quest’antri trent’anni a nnoi sce11 tocca~la bbenna,12 er 282 1349| magaggne.~ ~Er Papa ghiggna? Sce gguai per aria:~tanto 283 1356| nnoi, quanti in ner monno sce ne stamo1~~ nun nasscemio2 284 1358| aggnede;3~e de bbone raggione sce ne diede~piú assai de sei 285 1360| da un mese c’a Rripetta10~sce11 corre fiume quant’è llarga 286 1364| ggirelli~tutti indorati, sce2 sta scritto: Bbanca~Romana. 287 1366| aritrippica4 er zalario.~ ~Inortre sce saría5 n’antra6 catasta~ 288 1368| prima, a Ssan Filippo Neri,~sce messe7 l’oratorio8 de li 289 1373| cch’è Bbeatitudine sce14 tosa,~e er zubbarbiere 290 1373| tosa,~e er zubbarbiere sce er contrapelo.~ ~6 dicembre 291 1374| antipaticheria:~propio nun me sce sento vocazzione.~ ~Pe ’ 292 1379| sparzi pe li sette sceli2~sce se3 troveno ebbrei, turchi 293 1380| arie grosse e llarie fine,~sce3 llanime fine e llordinarie.~ ~ 294 1396| Uditor Zantissimo~che gguasi sce daría3 la testa ar muro.~ ~« 295 1397| d’un capello.~ ~Eppuro8 sce n’è ttanta in ne l’interno!~ 296 1398| un esempio su li cani.~Sce 2 li can barboni, li martesi,3~ 297 1398| ulani...4~ ~Ccusí ar monno sce llommini indiani,~l’ 298 1398| mori, l’ommini francesi:~sce l’ommini ebbrei, l’ommini 299 1400| che in ne le case nostre sce se3 prova~un freddo da cannisse4 300 1402| cacciasse5 quer tantin de vojje~sce diventassi6 un’Orazzione 301 1403| provacce,8 Nina?~Ggià, la porta sce9 sta ttanta viscina!~se 302 1405| contenti e ffasse6 onore,~sce se7 dichiara nostro servitore,8~ 303 1409| lòro c’a pparlà de fede~sce s’arimette4 sempre de cusscenza.~ 304 1418| ggiallo o rrosso, e ssopra te sce schiaffa:5~L’Orfino, o la 305 1427| ne penza~ ~Ma cche ccosa sce tienghi1 in quela testa?~ 306 1432| eccresiastica,~in oggnarte sce cova un buggerío7~de malizzie 307 1437| fiato in de la gola.~ ~Jeso! Sce7 sudo freddo. Artro,8 Madonna,~ 308 1438| fijjola, io mmaestra~e mme sce ggiucherebbe2 la minestra~ 309 1438| vorte, e ssei guarita.~ ~Io sce7 curai ’na vecchia de Nottuno,8~ 310 1445| disse Sciufrà: «Nnun me sce pijji ppiú».9~ ~20 gennaio 311 1453| der padrone, che Cristo sce2 lo guardi.~Nun jabbasta 312 1454| scerque2 de l’Attuscolo3~sce spasseggeno4 Marco e Cciscerone.~ ~ 313 1473| de mezzo er madrimonio~sce fu da e da ppe trattenello.11~ ~ 314 1477| Meo,9 Bbiascio e Ddomenico~sce stamio10 tutt’e ssei com’ 315 1482| ssur cartolare~co la penna sce fa ssino l’uscelli.~ ~Le 316 1484| tempo d’annà in zònzola4 sce ll’hai:~tutti li gran da-fà5 317 1487| ssei matto davero o mme sce2 fai?~Questa, capata3 ch’ 318 1496| urtima sconfitta~c’a la zecca sce4 bbattino lo staggno.~ ~’ 319 1498| assortati~Papa Grigorio sce ffà er campione.~Nassce 320 1499| frate~ ~Er Papa tra li frati sce s’ingrassa,~ pperché ss’ 321 1503| aggiustà cquarche cquarella,4~sce5 mannavi tu’ mojje o ttu’ 322 1509| somma ar giucatore,~pe ccui sce lo ssciusciòrno5 tutti quanti.~ ~ 323 1515| de li cochi,~ché spesso sce(3) trovamo tra ddufochi~ 324 1517| che vvinchi.6~ cc’allora sce7 speri quarcajjuto~ma ppe 325 1518| predica latina.~ ~Li Cardinali sce1 stanno ariccorti2~cor barbozzo 326 1523| arigalo un grosso.~ ~Me sce spropio,3 lo so, mma mme 327 1536| Monziggnore er mi’ padrone~te sce farebbe perde la scommessa,~ 328 1538| giudio,7~che indove tocca sce lassa l’impronta,~nu la 329 1538| mmeno,~drent’a la porcheria sce vanno in brodo.13~ ~27 aprile 330 1540| sputa quarcantro1 cardinale~sce sarebbe da facce2 un carnovale~ 331 1547| zomaro, «Eppuro», ha ddetto,~«sce5 scommetto sta bbestia, 332 1547| scommetto sta bbestia, sce scommetto,~si nun vale ppiú 333 1548| ddove je pare.~ ~Mica poi sce va a ttròva la commare,~ 334 1548| nnotà,1 ppe sbarcà er vino:~sce va ppe scannajjà2 cco Gghitanino3~ 335 1551| colonna accostar muro~me sce mmisurato stammatina,~ 336 1557| marinari e ’r capitano~appena sce entrà ppocantra ggente.~ ~ 337 1557| cquanno passò er Meliterrano2~sce salí er Zanto Padre, e a 338 1557| che ggià ccereno sopra, sce restorno,~e cce staveno 339 1561| llegato co ccerte catenelle~sce tiè2 un brutto uscellaccio 340 1562| perché er pubbrico orario1 sce li scoccia2~acciò li preti 341 1574| che sta futtuta grazzia sce la fai.~Bblu bblu bblú, 342 1579| s’astipolò~la locazzione, sce se venne a ddí5~che ccentrassi6 343 1580| sto paese~de divozzione sce n’è ttroppa o ppoca;~si 344 1583| ggnente da spiccià,6 ssi7 llei sce crede.~ ~Com’è ito a ffiní 345 1585| de li fojji chiusi!~ ~Io sce scommetto, che ssi cqua 346 1588| Un po’ a la vorta: Iddio sce penzerà:~dàmo tempo: si 347 1591| disputà~si er zanto Padre sce bbene o nnò.~Chi vvò 348 1594| de sposà cquer matto?~Io sce divento un pízzico,3 sorella.~ ~ 349 1608| io pe la parte mia poco sce spero.~Eppoi ggiú ne lo 350 1609| jje facci:~in st’imbrojj sce 4 ffede e rrisarca.5~ ~ 351 1610| Er dente der giudizzio sce 5 assai~che vvienghi6 352 1611| spezziale~che ppuro10 lui sce n’ha gguariti assai.~ ~30 353 1619| Eh ppovera siggnora, lei sce2 prova,~ma ar cassettino 354 1619| prova,~ma ar cassettino lui3 sce tiè4 l’abbiffa.~Dunque com’ 355 1619| vvinto una riffa;~e llui, sce credi o nnò,9 sempre je10 356 1620| quanta la cojjonità,~lei sce curre4 a lo sgriggno e jje 357 1623| appiccicheranno3 de sicuro:~io me sce ggiucherebbe4 er filarello.5~ ~ 358 1623| pasce8~sin c’a sto monno sce saranno ladri.~ ~5 settembre 359 1624| aria de campaggna:~quello sce 6 ppe vvoi: moto, alegria,~ 360 1632| abbada a tté,11 cche tte sce lassa er zeggno.12~ ~Pe 361 1635| tartaruca,~che ppe ttre mmijja sce 4 un mese intiero.~ ~Oh 362 1638| Ponno vení li diavoli, sce ponno~èsse fiumi, montaggne, 363 1643| ariccojje ossi,10 e cquanno sce n’ha assai~ne va a vvenne11 364 1649| pavura~quante prima de voi sce 7 ppassate.~ ~15 settembre 365 1654| Sto bbúscio6 inzomma io me sce invecchiato;~e oramai 366 1659| ddiscíde.~Che! A la commedia sce se va ppe ppiaggne?10~A 367 1659| ppiaggne?10~A la commedia sce se va ppe rride.11~ ~19 368 1663| poi~che cqui in sta casa sce commanno8 io.~ ~20 settembre 369 1669| cquesto~facci bbon viaggio, sce dii le su’ nove,8~se diverti,9 370 1670| inortrata...~ ~E cche nnove sce2 dde quele parte?~S’è 371 1674| bbassi.~ ~Quer mascellaro5 sce ficcò er cortello,~che ppareva, 372 1677| Monno un’antra vorta~me sce farebbe2 strascinà in barella.~ ~ 373 1680| a ddí,~in ner zulogo7 sce trovò Mmammà.~ ~26 settembre 374 1690| grotta a sto bbarlume:~me sce viè un male: me se serra 375 1695| Eterno,~lòro a sto monno sce li tiè ppe sseme~de le rape 376 1702| cche sti nobbili scontenti2~sce3 stanno zzitti come fussi4 377 1707| sicuro.~Tu cce sei ito?» «Sce ito io puro».2~«Che tte 378 1715| Viggnanello e cquer contorno~lei sce stiede dumesi,1 e ar zu’ 379 1738| vvali quer che vvale,~e Ddio sce lo mantienghi per un pezzo...~ 380 1739| zagro Colleggio!~Quanno sce 5 de mezzo li siggnori,~ 381 1740| nimicata.~ ~Aria e ssole sce7 vonno: io ve lo predico,~ 382 1741| azzecca,5 Matteo, quanto sce n’è.~ ~Co le donne hai da 383 1748| ggeloni~pe vvia3 che tte sce4 fai tanti sciappotti,5~ 384 1749| chiami còllera o ccollèra,~io sce ggiuco2 la testa s’un baiocco~ 385 1757| còllera mòribbus]~9°~ ~Disce: sce alegria. , ccor un 386 1759| annà a Mmonte-Casini,11 sce morissi12 un tantino fuscilato.~ ~ 387 1764| ttanti penzieri?~ ~Lui sce ggiura e spergiura ch’er 388 1766| Dunque lui per marittimo sce viaggia:~perch’io credo 389 1766| isole navale~a un dipresso sce s’entri da la spiaggia.~ ~ 390 1773| ssi er collèra a nnoi sce cosce,13~a cquellantri14 391 1778| incerata.~ ~Sopr’un occhio sce porta uno sportello~de vetro, 392 1783| viacrúsce... Eppoi, disce, una sce scarta!2~ ~Io nott’e ggiorno 393 1791| ggnocchi e mmaccaroni.~ ~Sce2 faranno un tantino li piaggnoni~ 394 1793| fata de la Ssciuzzeri1~ ~Sce ne 2 state cqui de canterine~ 395 1794| canta.~A ste cose nemmanco sce se penza.3~otto ggiorni 396 1796| piantate a la bbéttola: sce1 state~fin che sse2 chiude 397 1796| cquesta,~che in parole latine sce sta scritto:~Vennero l’osti 398 1797| e a la fine er Ziggnore sce gastiga.~ ~Lui se la sbriga 399 1797| se la sbriga,~e cquanno sce se4 mette eh nun ze sporca.5~ 400 1799| e mmessi novi.~ ~Quanno sce 13 de mezzo ommini dotti,~ 401 1811| cortellate,~e in tutte quante sce capeva un dito;~e io co 402 1814| nun ze l’uguale,~ ~jeri sce1 stava in mostra un cardinale~ 403 1818| che de grazzia de Ddio sce n’è antrettanto».~ ~Dico: « 404 1821| mmal de core.~ ~Lui a nnoi sce se tiè6 ttutti derèto,7~ 405 1823| una campaggna rasa~come sce sii9 passata la pianozza,10~ 406 1824| Scappa2 er Vicario e vve sce fa llegà:~quello disce de 407 1827| viscinato.~, a ccasa, o vve sce porto pe un’orecchia.~ ~ 408 1833| fiato.~ ~«E ar capezzale sce n’accorgeremo,~e ar capezzale 409 1834| maggna?~ ~Oggi sur maggna sce stati un’ora;~e ccantata 410 1836| pinitenzieri de San Pietro1~ ~Me sce ttrovo io2 quanno a Tturlonia~ 411 1847| ccavajjeri?~Io ar zervizzio sce 3 entrato jjeri~pe ttirà 412 1856| Ccivitavecchia solamente~sce 7 ssette salite e ssette 413 1856| Rrocca-de-Papa...~sempre sce9 troverai quarche ddivario.~ ~ 414 1858| Certe parole latine~ ~Una sce n’ho ppur’io guasi1 compaggna.~ 415 1859| canchero in ner naso.~ ~Lui sce teneva un cerotin de raso;~ 416 1867| mio, ste piante~forzi11 sce l’averà llorto bbottanico».~ ~ 417 1873| de Nostro Siggnore.~ ~Lui sce farà un tantino de scimosa,5~ 418 1875| Nun zai c’a lo spedale sce se9 more?»~«Avete mille 419 1888| Credi puro3 c’appena io sce4 guadaggno~pe vvive,5 e 420 1890| manco un ciníco.4~ ~Eppuro,5 sce6 scommetto c’a l’amico7~ 421 1891| s’inzin6 che ttorno me sce7 state attenta.~Me sce lo 422 1891| me sce7 state attenta.~Me sce lo date un occhio eh sora 423 1901| arrabbieli! saette!~Guasi sce ggiurería2 che sto scontento~ 424 1902| Bbono: me piasce. Io sce ll’ho ddrent’a un terno~ 425 1905| cquela mmerdosa2~si3 ccome sce protenne4 e ffa la donna!~ 426 1910| ggiura.~ ~Che vvòi!1 me sce pijjai ’n’arrabbiatura~che, 427 1911| carbone smorzato».~ ~Ve sce fòssivo trova,4 sorIrene!~ 428 1912| vvolémo zzompà1 cquanto sce pare».~ ~«Ma inzomma cqui 429 1915| ggoccia~che in ne li panni sce bballava drento~come una 430 1923| ma bbisoggna vedé ccome sce prova.~ ~Si ttanto me 431 1933| venne,~io pe la rabbia me sce fesce4 rosso;~ma ccosa vòi!,5 432 1935| ttanto inzin’a cqui llui sce s’arrischia,~fa3 allora: « 433 1941| curato.~ ~Animo, via, nun ve sce fate bbrutto:~ve mentovo 434 1943| anno~che Ccristo in crosce sce morí inchiodato.~ ~28 maggio 435 1946| ssciocchi!~Si5 nun c’è ggrano sce 6 bboni stocchi.~Si nun 436 1953| lustrino»,8~che sserve?,9 io me sce sento un rosichino10~che 437 1954| sto lume che cqui4 ppropio sce more.~Manco se scrope5 com’ 438 1958| ffreddo d’accidenti;~e tte sce3 metti a ffà sti comprimenti~ 439 1965| ma a sti tempi che ppoco sce se6 crede~va’ cche impressione 440 1987| supprisa?»~ ~«Che cce trovo?! sce trovo, sor cardeo,~c’ha 441 1987| dio, tonna e ppriscisa.~Sce trovo che ssi4 ccanta, e 442 2001| l’inferno~er Zanto Padre sce l’ha ffatta grossa!~ ~E 443 2002| vanno bbene,~e ccar Monte sce fioccheno l’entrate.~ ~Ma 444 2006| da cche sse sposonno~sce passò ssempre inzin’all’ 445 2009| Ma ccazzo! a mmé cchi mme sce va in funtana?~chi mme ne 446 2012| addopralli?»~ ~«Oh, Ppadre Santo, sce ne di scèrto»,~disce 447 2015| nnove femmine~ ~De fijji sce n’aveva una duzzina,~ma 448 2017| rrotte,~de sta fittuccia sce ne un pezzetto.~ ~E ppresto 449 2020| ddit’un po’, cce séte o mme sce fate?~E stassaggi ve serveno 450 2021| mmé cche ggiorn’e nnotte~sce stavo a scotolà2 la bbussoletta!~ 451 2022| ché indove che vva llui sce vado io.~ ~E cquann’hanno 452 2031| ggni letto~ar menar meno sce ne ficco un paro.~ ~Lassa 453 2033| cantone,~e ’ggni ggiorno sce pijja condizzione~der tempo 454 2041| cusscini,~ ~ma ggià da un’ora sce covava drento;~e cquelli 455 2042| Papa a Ssan Pietro~~ ~Me sce ttrovo io puro: anzi 456 2043| Raffaelle?~De car’e ggrazzia sce se strappalla,~e sse 457 2044| avemo intesi,~sorArtomira, sce nnòve bbone.~È vvienuto 458 2051| maggnapane~che ggnisempre sce ttanto strapazzo?»~«Quello 459 2055| però ssenza viggijja~forzi sce s’ha da mozzicà le mane.~ ~ 460 2059| governo.~ ~Me dirai: come sce li ? Ssò ppronto.~Co ’ 461 2059| bbonprascito;~ma ssi llui sce s’ammaschera da tonto,~quell’ 462 2062| attaccato de sott’all’architrave~sce fu ttrovona spesce de 463 2066| bbottega.~ ~Ah, ppuro me sce bbrontoli eh vassallo?~E 464 2071| d’un fonno de letto:~me sce mmessa ggià llanim’in 465 2082| si la man der Ziggnore sce gastiga?~De striggne l’occhi 466 2089| menta:~de pascenza co vvoi sce ne ttanta,~e bbuggiarà, 467 2117| È ’na cosa ch’io propio sce sbalestro!1~~ Lamentasse,2 468 2128| ffritto».~ ~De guai sce n’ho a bbizzeffia inzin 469 2130| privileggiato,~de messe sce n’è ppuro un zopravanzo.~ ~ 470 2137| cojje cojje.~Eppoi, mmojje sce , ssor caca-dojje,1~~ 471 2144| cquer che jje faccio,~io me sce schiatto er core, io me 472 2144| schiatto er core, io me sce sbraccio~che mmanco ar padre 473 2144| ddiliggerí2 ccerti bbocconi~sce vorebbe uno stommico da 474 2160| maggno co la mano~che mme sce faccio er zeggno de la crosce.~ ~ 475 2163| io~che ppe vvive co llui sce pprudenza.~Pascenza? 476 2164| ddetto che in d’un libbro sce se trova~che Ddiona vorta 477 2164| de le dua: o cqui ggatta sce cova,~o mm’ha detto una 478 2169| riso.~ ~Si ppoi pe ggionta sce volete mette~quer che ffa 479 2175| ch’iddio l’ajjuti~quanno sce viè a imbrojjà ppe li su’ 480 2184| llà ccorde e ccatene,~ve sce state a ppijjà ttutte ste 481 2199| debbitori...~Dio mio! me sce s’addrizzeno li peli~a ppenzà 482 2209| cquer che vvòi,~che ccorpa sce n’ha llei, povera fijja?~ ~ 483 2232| sciónnolo che ppenne~manco sce vedo a ffà le mi’ faccenne,~ 484 2236| a Ggesucristo er popolo sce crede,~oppuro è una scittà 485 2248| a cquello la carcassa~je sce troveno in cammio una carota.~ ~ 486 2249| ccausa de quer tòno;~ché ppoi sce vorze der bello e der bono~ 487 2253| vvacce bberbello,~e nnun te sce fissà ttanto er cotoggno.~ ~ 488 2268| nun me ne curo.~Mica me sce darò la testa ar muro:~mica 489 2268| darò la testa ar muro:~mica sce schiatterò, Bbríscita mia.~ ~ 490 2270| sta caterba~de debbiti, sce vòi l’abbito novo?~Nu lo 491 2272| mmarivorti?~Li parenti sce ll’ho, ma ssò pparenti.~ 492 2275| Zagrista.~ ~Poi er Zenzale sce porta domani~quelli pe la


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License