Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1295. Le bbotteghe der Corzo1

 

Per Corzo sc’è una frega2 senza fine
de libbrari, armaioli, perucchieri,
sartori, machinisti, caffettieri,
orloggiari e mmercanti de pannine.

 

Ortre poi le modiste e le spazzine,
e antiquari, e arbanisti3 e cchincajjeri,
sc’è un famoso negozzio de bbraghieri
indisposti4 in bellissime vetrine.

 

D’avanti a tutte ste bbotteghe nostre
omo o ddonna che ppassi, è ccaso raro
che nnun s’affermi5 a ccontemprà lle mostre.

 

E de tanti paini6 e ttante sciane,7
dar zolo8 disgrazziato bbraghieraro,
nun zo9 cche ssia, nun ce s’afferma un cane.

 

12 giugno 1834

 




1 Corso.

2 Moltitudine.

3 Ebanisti.

4 Disposti.

5 Che non si fermi.

6 Giovani galanti.

7 Ciana: corrisponde per la femmina al paino, ma con significazione di alquanta maggior vanità.

8 Dal solo.

9 Non so, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License