Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1297. Li Bbeati

 

Nun è cche nnun ce ssiino Bbeati
deggni e stradeggni de un passo avanti:
er paradiso sbrullica1 de frati
che mmoreno de vojja d’èsse Santi.

 

Nun è ccher Papa se li sia scordati,
come se scorda de li nostri pianti:
ché anzi, doppo avelli2 proscessati,
voría cannonizzalli3 tutti quanti.

 

La raggione che ancora li tiè addietro
ne la grolia sceleste,4 è la gran spesa
de la funzione che cce a Ssan Pietro.

 

Eccolo er gran motivo, poverini:
la miseria. E li Santi de la Cchiesa
nun ze ponno creà ssenza quadrini.

 

12 giugno 1834

 




1 Brulica.

2 Dopo averli.

3 Vorrebbe canonizzarli.

4 Gloria celeste.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License