Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1311. Er peccato de San Luviggi

 

San Luviggi Conzagra1 (si ssò2 vvere
l’istorie de quer mostro d’innoscenza)
pe avé ppreso da lui3 senza liscenza
poca porvere e un miccio a un zu4 artijjere,

 

sibbè cchera5 un riccone e un cavajjere
n’ebbe tanto dolore a la cusscenza,
che ppiantò er monno e ffesce pinitenza
peggio che ffussi6 un ladro de mestiere.

 

E adesso un colonnello, un capitano,
scortica vivo vivo un reggimento,
e jjarrubba la paga der zovrano;

 

e tte lo vedi annà7 cquieto e ccontento
cor zangue che jje gronna8 da le mano,9
senz’ombra de rimorzo e ppentimento.

 

21 giugno 1834

 




1 Gonzaga.

2 Se sono.

3 Da sé, da sé stesso.

4 Suo.

5 Benché era.

6 Fosse.

7 Andare.

8 Gli gronda.

9 Mano, per «mani».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License