Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1342. Er zor Giuvanni Dàvide

 

Io sciò1 a la Valle2 ducoristi amichi
che vvonno c’anni fa er zor Dàvide era
un tenorone da venne in galera3
tutti li galli e li capponi antichi.

 

Ma ppe cquanto ho ssentito jjer’a ssera,
me pare bben de ggiusto che sse dichi4
ch’è ddiventato un vennitor de fichi
o un chitarrinettaccio de la fiera.5

 

Fa er nasino,6 ha un tantin de raganella,7
sfiata a ccommido suo, ggnavola, stona,
e sporcifica er mastro de cappella.

 

Quanno la vosce nun ze tiè8 ppiú bbona,
invesce de cantà la tarantella
se sta a ccasa e sse disce la corona.

 

29 ottobre 1834

 




1 Ci ho: ho.

2 Teatro dell’opera buffa.

3 Vendere in galera: superare.

4 Si dica.

5 Fiera dicesi in Roma ad una esposizione di trastulli fanciulleschi sulla pubblica via.

6 Fa voce nasale.

7 Rantolo.

8 Non si tiene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License