Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1350. La scampaggnata

 

Nun pòi crede1 che ppranzo che ccià2 ffatto
quel’accidente3 de Padron Cammillo.
Un pranzo, ch’è impossibbile de díllo:
ma un pranzo, un pranzo da restacce4 matto.

 

Quello perantro5 c’ha mmesso er ziggillo
a ttutto er rimanente de lo ssciatto,6
è stato, guarda a mmé, ttanto de piatto
de strozzapreti7 cotti cor zughillo.8

 

Ma a pproposito cqui de strozzapreti:
io nun pozzo9 capí ppe cche rraggione
s’abbi da cche strozzino li preti:

 

quanno oggni prete è un sscioto10 de cristiano
da iggnottisse11 magara in un boccone
er zor Pavolo Bbionni12 sano sano.

 

16 novembre 1834

 




1 Non puoi credere.

2 Ci ha.

3 Il vocabolo accidente serve di sinonimo e di rappresentante a molte altre voci della lingua romanesca. Qui indica valore, abilità.

4 Da restarci.

5 Peraltro.

6 Profusione.

7 Cannelletti di pasta prosciugata, lunghi un pollice.

8 Sughillo alla napolitana: «sugo di stufato».

9 Non posso.

10 Sciòto: ironia di «semplice».

11 Inghiottirsi.

12 Il signor Paolo Biondi: la prima corpulenza di Roma.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License