Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1363. A Ggesú Ssagramentato

 

Ggesú mmio, pe li meriti der pranzo
de le nozze de Cana, e in divozzione
de la vostra santissima passione
esaudite sto povero Venanzo.

 

Date la providenza ar mi’ padrone,
e ffate, o bbon Gesú, cc’abbi uno scanzo1


da potemme2 pagà cquer che jjavanzo
pe èsse3 stato co llui troppo cojjone.

 

Dateje la salute, o Ggesú mmio,
acciò nun crepi cor mi’ sangue addosso,
cosa da famme arinegacce4 Iddio.

 

E ppe cquesta preghiera che vve faccio
dateje presto un cappelletto rosso
eppoi l’eterna grolia a l’infernaccio.

 

dicembre 1834

 




1 Abbia un propizio intervallo di tempo.

2 Potermi.

3 Per essere.

4 Da farmi rinnegarci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License