Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1384. Er nôto

 

Sai? Lo sposo1 de Mea la lavannara,
Còcco Sferra, quer bravo nôtatore,
propio sto fiumaccio traditore
je l’ha ffatta tra er Passo e la Leggnara.

 

Chi ddisce che in ner roppe la fiumara
je pòzzi èsse2 arrivato er zangue ar core:
chi ddisce un capoggiro, chi un tremore,
e cchi ddisce pe ffà ttroppa caggnara.3

 

Sii l’una o l’antra, o cquarche granchio, oppuro4
ch’er fiume j’abbi fatto mulinello,
fatt’è cche s’è affogato de sicuro.

 

Com’è ito a ffiní, ppovero Sferra!
Che ssò li fiumi!5 Disce bbene quello:
loda lo mare e attacchete6 a la terra.

 

10 dicembre 1834

 




1 Sposo, con entrambe le o strette.

2 Gli possa essere.

3 Per far troppo chiasso, allegria incomposta, disordinata.

4 Oppure.

5 Che cosa sono i fiumi!

6 Attàccati.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License